“Red Bull poteva vincere con Perez”: le parole di Horner

Al termine del GP di Miami, il team principal Christian Horner ha constatato che Sergio Perez avesse le potenzialità di vincere la gara senza quel problema al sensore del motore.

Sergio Perez Red Bull
Sergio Perez-Motori.News

Red Bull ha conquistato a Miami la terza vittoria stagionale, con Max Verstappen che ha preceduto le due Ferrari e il suo compagno di squadra Sergio Perez. Il messicano, però, ha avuto durante la gara una momentanea perdita di potenza che gli ha impedito di attaccare Sainz, nemmeno con le gomme più morbide dopo la Safey Car.

Un rimpianto per Red Bull visto che, nel finale, poteva tentare quantomeno il secondo posto se non, addirittura, la vittoria ai danni del suo compagno di squadra. Il team principal del team Christian Horner ha poi, dichiarato, i danni subiti dal messicano dopo il guasto al sensore.

Perez, quanti rimpianti!

Checo ha perso improvvisamente potenza a causa di un guasto ad un sensore di un cilindro che gli ha costato circa 20 cavalli di potenza, corrispondente a mezzo secondo sul giro secco. Per questo motivo, nonostante avesse il vantaggio di gomma su Sainz alla ripartenza, non è riuscito a recuperarlo. Un peccato perché poteva ottenere il secondo posto“.

Allo stesso tempo, però, Horner ha ringraziato i propri motoristi da Milton Keynes che hanno subito riparato il problema, visto il grande rischio di ritiro dello stesso Perez:

Checo ha rischiato di ritirarsi e devo ringraziare i motoristi per aver trovato una soluzione temporanea che gli ha garantito di terminare la gara. Dobbiamo, però, lavorare su questa situazione per non avere ulteriori problemi in futuro. Sono fiducioso, però, che possiamo risolverlo presto.”

Dal reparto motori, Horner ha voluto anche ringraziare il resto del team che ha preparato benissimo entrambe le RBR18 che hanno concluso la gara e portato punti importanti per i costruttori:

Nonostante il problema al motore, Checo è stato sugli stessi ritmi di Sainz grazie all’ottimo setup che ha portato alla vittoria di Max. La nostra è una macchina molto veloce sui rettilinei, avendo possibilità sia di difenderci bene che attaccare. E’ stata la chiave del successo di questo weekend”.