Nato nel 2017, il pick-up Renault Alaskan segna il debutto della Casa francese nella categoria. Motori.news ha testato le ottime doti da 4x4 della versione 2.3 dCi da 163 CV. Ecco come è andata la nostra prova

Nato insieme alla Mercedes Classe X, il è il grande pick-up della Casa francese, in commercio dal 2017 vista la crescente voglia che stanno riscontrando i veicoli di questo tipo. I crossover ed i suv hanno perso nell’ultimo decennio le doti fuoristradiste che un tempo avevano, gli unici veicoli davvero pronti ad off road “duri” sono rimasti i pick-up. Motori.news ha provato il Alaskan 2.3 dci 163 CV in allestimento Zen, ecco come è andata.

LINEA E DIMENSIONI

La Renault Alaskan non è un’auto che si compra per la linea, ma per le sue doti nel 4×4 e per la possibilità di caricare di tutto. Con una lunghezza di 540 cm, una larghezza di 185 cm ed un’altezza di 181 cm, la Renault Alaskan è un pick-up davvero imponente. Con quella manciata di cm in più rispetto alle avversarie (la Volkswagen Amarok misura 525 cm, la Fiat Fullback 529 cm, la Toyota Hilux si ferma a 533 cm) ne beneficiano capacità di carico ed abitabilità interna. L’ampio cassone posteriore di 1,58 metri di lunghezza ed 1,56 di larghezza permette carichi fino a quasi una tonnellata. A bordo si sta piuttosto comodi in 5. La massa della Renault Alaskan è di poco superiore alle 2 tonnellate, non molto rispetto alle rivali, il tutto a beneficio dei consumi. Grazie ad un generoso serbatoio di 73 litri, la Renault Alaskan permette anche di fare lunghi viaggi senza soste.

PRESTAZIONI E CONSUMI

La Renault Alaskan adotta un motore a gasolio Euro 6 di 2.3 litri con 163 CV di potenza. Per muovere le oltre 2 tonnellate il propulsore è più che sufficiente. Certo la Alaskan non è un razzo, ma non è l’auto giusta per fare le corse. I 172 km/h di velocità massima ed i 12 secondi per lo 0-100 sono prestazioni buone. Per chi vuole della verve in più è disponibile lo stesso motore con 190 CV. I consumi della Renault Alaskan ci hanno sorpreso n positivo: si fanno anche 12-13 km/litro che per un pick-up di tali dimensioni non sono pochi. Il merito va anche al cambio a 6 marce che, a sesta innestata, permette di viaggiare a regimi molto bassi. Non abbiamo spinto al limite questo pick-up nella guida stradale, che comunque ci è parsa rilassata con un’ottima visibilità anteriore. Forse un po’ impreciso di è rivelato lo sterzo, ma nel complesso diamo un voto molto buono alla guidabilità della Renault Alaskan.

Nella guida in fuoristrada abbiamo riscontrato doti eccezionali. La trazione integrale è eccellente, l’angolo di attacco pari a 30° è nella norma. Abbiamo riscontrato, però, un difetto in quello d’uscita. I 25° dichiarati dal costruttore per la Renault Alaskan non sono il massimo, ma accettabili. Il problema nasce quando si dimentica abbassata la pedana di ausilio alla salita nel cassone. Effettuando dei sali-scendi impegnativi abbiamo toccato terra con il rischio di danneggiarla. Inoltre anche il paraurti porta targa ci è sembrato di qualità non ecczionale, in plastica, esposta a graffi ed urti. Per il resto la guida in percorsi impervi ci ha fatti davvero divertire. La trazione posteriore della Renault Alaskan, quando le quattro ruote motrici non sono inserite, ci ha regalato anche qualche sovrasterzo di potenza sui prati resi umidi dalla pioggia.

VITA A BORDO ED OPTIONAL

La versione Zen della Renault Alaskan non è il top di gamma, ma ha tutto l’occorrente per viaggiare senza patemi. Strumentazione chiara e leggibile, materiali di buona qualità ed un posto guida ben progettato. Anche per chi sta dietro lo spazio c’è ed in abbondanza. Di serie sulla Renault Alaskan Zen troviamo ABS con EBV ed assistenza alla frenata di emergenza, alzavetro elettrici anteriori e posteriori, clima manuale, computer di bordo, differenziale posteriore a slittamento controllato elettronicamente e fendinebbia. Poi sempre senza sovrapprezzo ci sono radio con presa USB, ruota di scorta di dimensioni normali, cerchi da 16″, sistema di controllo della velocità in discesa CDV, sospensioni posteriori multilink e sistema S&S. Mancano alcuni particolari che potrebbero dare più comfort, ma ricordatevi che questa è più un’auto da lavoro che da famiglia. In ogni caso scegliendo l’equipaggiamento Intens si può avere qualcosa in più dal punto di vista del comfort. Il prezzo non è alla portata di tutti. La Renault Alaskan Zen da 163 CV costa quasi 37.500 € che aggiungendo qualche optional fanno presto ad arrivare a 40 mila. Il top di gamma pluriaccessoriato supera i 45.000 €. Insomma sono cifre importanti, ma per una vettura che davvero poi vi farà arrivare ovunque.

PREGI

Consumi buoni per la categoria
Divertente nella guida off-road

DIFETTI

Sterzo un po’ impreciso nella guida sportiva
La zona posteriore troppo bassa e con difetti progettuali rischia di essere danneggiata nella guida in off-road