Si riparte.

Dopo due settimane dal debutto in Australia la Superbike torna a correre in Thailandia, nella città di Buriram, sul circuito del “Chang International Circuit“.

Eravamo rimasti con Rea che batteva, in gara uno e due, uno splendido Chaz Davies sul rettilineo finale, beffandolo di pochi centesimi al traguardo e con Marco Melandri che tornava a podio dopo l’ultima apparizione nel 2014.

Sul sempre misterioso (per via delle improvvise piogge) circuito di Buriram l’uomo da battere sarà sempre lui, il campione in carica di Ballymena, Jonathan Rea, nonostante la grande prova mostrata dalla Ducati.

Si arriva in Thailandia con la certezza che a giocarsi il titolo saranno Kawasaki e la rossa di Borgo Panigale, rispettivamente nei nomi di Rea e Davies; da non sottovalutare mai il buon Tom Sykes, che, nonostante non abbia brillato in Australia, può sempre accreditarsi per un posto tra i primi della classe. Attenzione anche a Marco Melandri, tornato in SBK con la carica giusta e pronto a salire sul gradino più alto del podio e, perchè no, ad impensierire i britannici alla corsa al titolo.

Occhi puntati anche sulle Yamaha, chiamate a confermare le buone impressioni di Phillip Island, dove hanno dimostrato di poter lottare con i primi soprattutto con Alex Lowes, mentre Van der Mark cerca di sviluppare il giusto feeling con la sua moto.

Sono chiamate al riscatto le Aprilia RSV4 del team Milwaukee di Eugene Laverty e Lorenzo Savadori, reduci da due gare anonime in Australia, così come il team Red Bull Honda World Superbike che con Nicky Hayden e Stefan Bradl, vera delusione del primo gran premio dell’anno.

I presupposti per assistere ad una bella bagarre ci sono tutti; non resta che sintonizzarci e goderci un weekend all’insegna dei motori. Dove guardare la gara