A vederla, da vicino o da lontano, la nuova Smart forTWO colpisce e piace.

I colori, le finiture, gli accostamenti, tutto è fatto per “sedurre” non solo i ragazzi più giovani. Ho avuto una Smart passion nel mio recente passato, ideale per città caotiche come Napoli, Roma, Milano, e mi sono sempre trovato benissimo con, ovviamente, i limiti di avere una macchina due posti con un passo cortissimo e un motore particolare.

G68C3997

La nuova smart si distacca completamente dal passato, magari deludendo i vecchi “aficionados”, ma era un passaggio obbligatorio. “Diversa” anche nelle motorizzazioni e nella guida. La prima cosa che mi ha lasciato abbastanza scioccato, appena salito in auto, è l’assenza dello “storico” cambio automatico a favore di un manuale 5 marce, una scelta che non convince tutti. Ma tranquilli, in primavera arriverà anche l’automatico!

La vettura test provata è la sport edition #1, bianca con tridion orange, tetto trasparente, cerchi in lega Black da 16”, assetto sportivo ribassato e scarico cromato a vista, motorizzata dal nuovo 1.000 cc con 70 cv. La colorazione degli interni e degli esterni è “fighissima” come potete vedere dalla foto.

G68C3972

Sistemo il sedile, allaccio la cintura, inserisco la prima e parto. In un primo momento ho la sensazione strana di essere scattato con il “freno a mano” tirato. L’auto è lentissima e quasi sussulta. Chiedo all’uomo Smart seduto al mio fianco se, per caso, avessi sbagliato qualcosa. Aimè, la risposta è che questa motorizzazione è veramente lenta, soprattutto allo start. Provo a farlo salire di giri, inserisco la seconda e poi la terza. La situazione migliora, ma resto fermo sulla mia idea che questa motore non è l’ideale. Meglio la versione turbo da 90cv.

Le sorprese, però, non mancano. Lo sterzo rispetto alla versione precedente risulta essere molto più sportivo e alla prima sterzata resto senza parole. La smart gira su se stessa, impressionante! Se non si presta attenzione, si rischia di lasciarci la fiancata in qualche svolta stretta. Grazie a una lunghezza di soli 2,69 m e a un nuovo sterzo diretto con rapporto di demoltiplicazione variabile è possibile ruotare la vettura in spazi ridottissimi. Il raggio di sterzata si attesta su un valore probabilmente da record, pari a 6,95 m misurati da ruota a ruota.

1406634117222

Buona la frenata e, nonostante non sia una vettura nata per salire sui cordoli, l’inserimento in curva è rapido e intuitivo. La smart che sto provando è dotata di cerchi da 16″ che filtrano discretamente le asperità e consentono, grazie a un buon lavoro delle sospensioni, di viaggiare in maniera abbastanza silenziosa.

G68C4027

Nell’attesa che arrivi il cambio automatico doppia frizione e che Smart Italia ci permetta di testare la versione turbo con 90 cv, scendo soddisfatto e sicuro che a Stoccarda hanno fatto un ottimo lavoro.

Finito il test abbiamo fatto un giro in concessionaria per scoprire le altre versioni della nuova Smart forTWO.

G68C3989

G68C3977

G68C3982

G68C3984

G68C3994

G68C3996

Voglio ringraziare la concessionaria Autotorino di Modena nella persone di Franco Rabino e Ricchi Achille per la grande disponibilità e simpatia dimostrata.

Ringraziamo Canon Italia per averci permesso di scattare queste foto con una Canon 5dMarkIII + ottica Canon EF 70-200mm f/2.8 L IS II USM