Spia gomme auto, se si accende passi i guai: ecco cosa significa

Quando e come resettare il sensore TMPS: scoprite cosa fare se la spia della pressione degli pneumatici è accesa.

Tasto reset gomme auto
Tasto reset gomme auto – Motori.news

Sul cruscotto del veicolo può capitare che compaia una spia, la cui icona può assomigliare a un punto esclamativo che galleggia in uno pneumatico rigonfio. La spia di solito è gialla e può essere fissa o lampeggiante.

In genere, questa spia indica una foratura o uno pneumatico privo di aria. Ciò che indica è un malfunzionamento piuttosto che un problema reale e concreto. Si consiglia quindi di fermare il veicolo il prima possibile e di controllare le condizioni degli pneumatici il prima possibile.

Spia pressione pneumatici: cosa fare e perché si accende?

La spia della pressione degli pneumatici si accende quando viene rilevata un’anomalia strettamente legata alle condizioni delle gomme. Ciò significa che non appena si accende, i sensori dell’auto inviano alla centralina un segnale di bassa pressione degli pneumatici. Non indica un guasto specifico, quindi se state guidando, dovete fermarvi e controllare la situazione.

I problemi più comuni sono legati alla pressione degli pneumatici. Tuttavia, a volte non è ovvio che si tratti di una semplice caduta di pressione e ci sono diversi problemi da risolvere. Di solito, se la spia si accende costantemente, è certo che la pressione è scesa al di sotto del parametro minimo. Se invece si accende e si spegne, si tratta di un’anomalia completamente diversa. Spesso si tratta anche di un guasto del sensore utilizzato per rilevare il livello di pressione corretto.

Quando si accende la spia della pressione delle gomme, si pensa subito a come resettare il sensore TPMS. Oggi parleremo delle circostanze in cui si accende la spia e delle cause di guasto del sensore TPMS, esamineremo quando è necessario resettare il sensore TPMS e gli errori più comuni del sistema di monitoraggio della pressione.

Spia pressione gomme – motori.news

Sensori TPMS passivi ed attivi

Dal momento che i sensori TPMS sono obbligatori per i veicoli di nuova omologazione (a partire dal 1° novembre 2014), si sono verificati diversi problemi con le spie di segnalazione della pressione degli pneumatici.

Prima di iniziare a parlare del reset dei sensori TPMS, è importante fare una distinzione tra TPMS passivo (che utilizza un sensore ABS) e TPMS attivo (ciascuna ruota ha un proprio sensore dedicato).

I sensori attivi della pressione degli pneumatici sono indubbiamente più precisi, ma occorre prestare maggiore attenzione per evitare l’accensione della spia della pressione delle gomme. Oggi ci concentreremo quindi sul ripristino del sensore TPMS attivo e su cosa fare quando la spia si accende, oltre che su alcune cause e soluzioni comuni.

Innanzitutto, è importante sapere che il reset del sensore TPMS è diverso dall’inizializzazione.

L’inizializzazione del TPMS viene solitamente eseguita in officina per programmare un sensore nuovo TPMS in caso di riparazione o sostituzione di pneumatici o sensori. L’azzeramento del sensore TPMS, invece, riguarda la pressione dell’aria di riferimento e può essere anche eseguito da soli.

Reset TPMS per pneumatici sgonfi o per danneggiamento del sensore

Quando si accende la spia della pressione delle gomme, l’errore più comune è quello di immaginare immediatamente una foratura. In questi casi, è meglio rallentare, evitare manovre brusche e fermarsi in un luogo sicuro per verificare la presenza di una foratura o di qualsiasi altro problema.

L’accensione della spia TPMS non appena il motore si avvia può essere un indizio del fatto che non c’è un problema alle gomme. Tuttavia, prima di resettare i sensori, è necessario assicurarsi che non vi siano pneumatici forati o danneggiati.

Pneumatici – motori.news

Controllare la pressione degli pneumatici prima di resettare i TPMS

Per garantire il controllo degli pneumatici, è necessario disporre di un manometro affidabile (non sempre lo è quello della stazione di servizio) e controllare quando gli pneumatici sono freddi.

In generale, le case automobilistiche definiscono “pneumatici freddi”, nei loro manuali d’uso, i veicoli che sono fermi all’ombra o che non hanno percorso più di 1,6 km nell’arco di tre ore. La pressione degli pneumatici consigliata è solitamente indicata su una targhetta visibile all’apertura della portiera del lato guida.

Nota: se gli pneumatici mostrano il giusto valore quando la gomma è calda durante la guida, significa chiaramente che a freddo erano sgonfie e la spia TPMS si è accesa. Si consiglia di lasciarli raffreddare e di ricontrollarli.

Quando fare il reset dei sensori TPMS

Sicuramente quando la spia della pressione degli pneumatici si accende e non si spegne. Tuttavia, assicuratevi che gli pneumatici siano gonfiati correttamente secondo le raccomandazioni di cui sopra e che non siano danneggiati o forati. Si raccomanda vivamente di eseguire un reset del TPMS solo dopo aver controllato ed escluso le cause principali del guasto.

È sempre possibile sapere dal manuale del veicolo se la spia TPMS è accesa a causa di una foratura o di un guasto. In genere, se lo pneumatico non è forato, la spia della pressione degli pneumatici dovrebbe spegnersi automaticamente una volta che il fattore di guasto non è più presente.

La spia TPMS può accendersi: 

– se c’è neve sulle ruote.
– se vi trovate in prossimità di una centrale elettrica, di un’antenna o di un dispositivo elettronico vicino alle ruote o nell’auto.
– se sono montate le catene da neve.
– se sul corpo viene applicata una pellicola metallizzata o una pellicola oscurante contenente particelle metalliche (sempre meno comune).
– se lo pneumatico forato è stato sostituito con uno pneumatico di scorta che normalmente non incorpora un sensore TPMS.

Pneumatico sgonfio – motori.news

Come fare il reset dei sensori TPMS

Il reset del TPMS consente di impostare un nuovo valore di pressione di riferimento che verrà considerato dalla centralina come soglia di allarme. Il reset del sensore TPMS può richiedere diversi minuti, quindi assicurati di:

– essere in grado di guidare ad una velocità di almeno 25 km/h
– non andare oltre i 100 km/h
– poter guidare minimo 10 minuti
– evitare le strade dissestate.

La procedura di ripristino del sensore TPMS viene solitamente eseguita accedendo al menu del computer di bordo. Tuttavia, si consiglia di consultare il manuale dell’auto, poiché il tempo e la velocità da rispettare variano a seconda del tipo di veicolo.

Se la spia di pressione delle gomme rimane accesa per diversi giorni, è meglio contattare l’officina per confermare che il TPMS è difettoso.