La Formula 1 sta per ricevere nel calendario un nuovo circuito. Più che tracciato inedito, in realtà, è un gradito ritorno: si tratta, infatti, di Rio de Janeiro. La bellissima città brasiliana ha già ospitato il Gran Premio del Brasile di F1 per dieci stagioni, precisamente nel 1978 e dal 1981 al 1989, e nove edizioni del Motomondiale (dal 1995 al 1997 e dal 1999 al 2004).

Secondo agli ultimi rumors, dunque, Rio de Janeiro potrebbe tornare ad ospitare il GP del Brasile. Stando a quanto riportato da ‘Motorsport.com’, Chase Carey, attuale CEO della Formula 1, avrebbe inviato una lettera al governatore locale Claudio Castro, in cui viene ufficializzato l’addio del circuito di Interlagos. Confermando il raggiungimento di un accordo tra Liberty Media, l’organizzatrice del Mondiale a quattro ruote, e il promotore Rio Motorsports.

Proprio nel 2020 risulta in scadenza il contratto con Interlagos, da più stagioni ormai sede fissa del GP del Brasile, e a quanto pare la Formula 1 non vorrebbe rinnovare.

Per questa stagione in corso il GP di San Paolo non si disputerà, a causa dell’emergenza sanitaria da Coronavirus, e un suo recupero per la prossima stagione (termini contrattuali permettendo), quasi sicuramente non ci sarà.

Accordo raggiunto tra Formula 1 e Rio de Janeiro

Il presidente della F1, Chase Carey, nella lettera scritta al governatore Claudio Castro, avrebbe dichiarato di aver finalizzato gli accordi per una gara con Rio Motorsport Llc, che ospiterà, organizzerà e promuoverà gli eventi della Formula 1 a Rio de Janeiro. Tali accordi sono pronti per essere eseguiti e annunciati da parte della F1, dal momento in cui tutte le necessarie licenze saranno concesse dalle autorità relative.

Per quanto riguarda le autorità, Carey si riferisce a l’Inea e la Ceca, che saranno responsabili dell’approvazione dell’autodromo a livello ambientale. Infatti, la paura è quella di andare incontro ad un possibile impatto ecologico sull’ecosistema della foresta di Comboata. Qualora gli eventuali rischi per l’ambiente saranno aboliti, si darà il via al Gran Premio di Rio de Janeiro.

Ad ogni modo occorre ribadire che la struttura a Rio de Janeiro è ancora incompleta, in termini di costruzione. Infatti, il noto impianto di Jacarepaguà (conosciuto anche come l’Autodromo Internazionale Nelson Piquet) è stato distrutto in occasione delle Olimpiadi di Rio de Janeiro del 2016.