Tutor, il magico trucchetto per sfuggire alle multe: questa volta lo freghi tu

Ci sono trucchetti per sfuggire alle multe del tutor, che sono da sempre un dannato problema per gli automobilisti in autostrada.

Tutor basta multe
Tutor, basta multe – Motori.News

Quando viaggiamo in autostrada dobbiamo stare attenti ai tutor che controllano la velocità. Questi strumenti di controllo sono da sempre un dannato problema per gli automobilisti, che rischiano multe anche se vanno più veloci di soli 5 km\h, rispetto alla legge. Sfuggire alle multe ora è possibile, ci sono delle tecniche apposta, così da tenere soldi nel nostro portafoglio. Vediamole tutte, ma poi ne analizzeremo una sola.

I suggerimenti per contrastare il tutor

Quando siamo in autostrada può succedere di andare più veloce del limite, soprattutto in tratti a più di due corsie. Il tutor è un controllo che viene fatto anche senza l’ausilio degli agenti sul posto stesso, come invece accade per gli autovelox. Questo perché, lo strumento riprende la velocità media da una colonnina di controllo ad un’altra, per poi fare il calcolo. Il calcolo poi ci dirà, se stiamo andando più veloci del limite oppure stiamo andando secondo i limiti.

Indicazione del tutor
Cartello che indica l’avvicinarsi ad un tutor – motori.news

Di soluzioni per cercare di non incorrere ad una sanzione sono ben nove, ora le elenchiamo per poi parlare di una in particolare. La prima soluzione è quella di stare a cavallo tra due corsie, la seconda è quella di passare sulla corsia d’emergenza. La terza è quella di oscurare la targa, per non essere ripresa dalla telecamera, la quarta è quella di riuscire a calcolare da soli la nostra velocità. La quinta è tenere a mente il percorso, sapendo se si rallenta o no. Gli altri tre punti sono tutti giuridici. Il nono che è quello che andiamo ad analizzare è il fermarsi alla piazzola di sosta.

Il suggerimento che analizziamo, ma fate sempre attenzione

Come abbiamo detto il tutor calcola la velocità media, questo significa che anche se ci prende alla prima colonnina, ad una velocità di 140 Km\h, non significa che siamo in infrazione. La media deve essere da 130 km\h o più bassa; quindi, noi dobbiamo stare dentro questa velocità. Noi una volta passati e capiamo di essere più veloci possiamo rallentare, facendoci anche superare se è necessario. Oppure se siamo davvero superiori al limite, dobbiamo fermarci in una piazzola di sosta. Il tutor non sa che noi ci siamo fermati, quindi lui calcolerà la velocità che ovviamente, sarà più bassa del limite.

Piazzola di sosta
Cartello che indica una piazzola di sosta – motori.news

Questi sono dei trucchi per non ricevere una sanzione amministrativa, che va da un minimo di 42 euro ad un massimo di 3.389 euro. Va da sé che anche la nostra patente verrà ritirata, per un periodo di almeno 12 mesi. Questi sono dei suggerimenti per non prendere la multa, ma va detto che bisogna rispettare sempre i limiti. Un nostro errore a velocità molto alte potrebbe essere molto pericoloso, una distrazione ci sta, ma nel fare i furbi si rischia l’incidente.