gp-australia-f1

La maggior parte dei Gran Premi sia di MotoGP che di Formula 1, sono stati rinviati e altri cancellati. Ora come ora ci sarebbe l’ipotesi che altre gare possano svolgersi in maniera ridotta o che potessero perfino non disputarsi. Stando alle recenti indiscrezioni giunte nelle ultime ore, pare che l’emergenza sanitaria di Coronavirus potrebbe influenzare, oltre i campionati attuali di Motorsport, anche quelli della prossima stagione 2021. Il Paese che desta più preoccupazioni sarebbe l’Australia, già a lavoro per adottare misure di prevenzione molto più estese rispetto ad altri paesi (si parla infatti di restrizioni fino a Natale).

Stop allo sport in Australia fino al 2022 riferisce Ezpeleta

Nelle ultime ore sarebbero giunte delle interessanti rivelazioni da parte di Carmelo Ezpeleta, amministratore delegato della Dorna, che avrebbe rilasciato durante un’intervista ai microfoni della nota rivista austriaca ‘Sportweek’. Stando alle sue parole pare che l’Australia abbia tutte le intenzioni di vietare qualsiasi manifestazione sportiva sia per il resto del 2020 che per tutto il 2021. Dunque, a quanto pare, la ripresa degli eventi è prevista direttamente nel 2022.

Qualora tale decisione dovesse essere confermata, potrebbero risultare delle conseguenze rilevanti sia per quanto riguarda la Formula 1 (cui GP si svolge a Melbourne), sia per il mondiale di MotoGP (che corre a Phillip Island). Se così fosse tali eventi non si potranno disputare fino al 2022. E pensare che quest’anno era ormai già tutto pronto il weekend del 15 marzo all’Albert Park, in Australia, dove si sarebbe dovuta disputare la gara inaugurale della stagione 2020. Ma la notizia che nessuno si aspettava giunge poco dopo, quando un addetto del team McLaren risulta positivo al Coronavirus dopo un tampone. Da quel giorno i piani alti della massima serie a quattro ruote decide di annullare tutto.

Ezpeleta: “Senza vaccino non si può partire”

Queste sono le dichiarazioni rilasciate da Ezpeleta a Sportweek:

Penso che fino a quando non avremo vaccini per fermare la diffusione del coronavirus, sarà molto difficile o impossibile organizzare un gran premio e altri eventi importanti. Senza una cura anche se la vita dovesse normalizzarsi di nuovo, i divieti di viaggio rimarranno in vigore in tutti i paesi. Quindi non sarà possibile per un gran numero di persone assistere a una partita di calcio o partecipare ad una corsa di MotoGP. Non sono molto fiducioso riguardo lo svolgimento del mondiale 2020. Anche se continuiamo a lavorarci sodo. Consideriamo tutte le possibili soluzioni”.

F1: rinviato anche il GP del Canada?

Dopo i rinvii e alcune cancellazioni dei Gran Premi di Formula 1 a causa del Covid-19, la tappa che avrebbe dovuto ospitare la gara inaugurale della stagione 2020 era quella del Canada. Negli ultimi giorni, però, arriva la notizia da parte dei funzionari di Montreal che hanno confermato il rinvio della gara a data da destinarsi.