Purtroppo, ancora una volta, non giungono buone notizie per quanto riguarda le condizioni fisiche di Marc Marquez. Lo scorso sabato, l’otto volte campione del mondo, è stato vittima di un infortunio durante un allenamento e questo sta lasciando non pochi sospetti. La Casa Alata ha dichiarato che il suo pilota non potrà esserci al prossimo Gran Premio di Algarve, in Portogallo, per aver riportato una “leggera commozione cerebrale”, ma dato che l’annuncio è stato diramato martedì scorso, la situazione è abbastanza sospetta e diverse indiscrezioni parlano (in modo marcato) di un nuovo infortunio al braccio. L’ultimo a parlarne e a sospettare è stato Aleix Espargarò, che ha così dichiarato: “Penso sia qualcosa di peggio, forse ha un braccio rotto”.

La questione sa parecchio di bugie e, come Marco Melandri ha spiegato ai colleghi di ‘MOW’, un pilota come Marc Marquez farebbe di tutto per correre. Soprattutto perché gli infortuni subiti alla testa, solitamente, si valutano pochi istanti prima di salire in sella alla moto e buttarsi in pista, così da prolungare quanto più possibile i tempi necessari di guarigione.  

Tornando al collega del campione di Cervera, Aleix Espargarò, nel corso della consueta conferenza stampa del giovedì, che precede la gara domenicale, ha dichiarato a ‘Speedweek’ che nessuno ha informazioni precise su come sia avvenuto l’incidente di Marquez e quindi occorre credere che sia solo una commozione cerebrale, perché l’incidente non è avvenuto nell’ultimo Gran Premio, altrimenti sapremmo che tipo di incidente è stato.

Si è trattata di una chiara risposta, quella del pilota Aprilia, ma le sue successive parole sono state di gran lunga più chiare, spiegando di non aver idea di che problema abbia Marc, ma forse ha riportato la rottura del braccio. Una cosa è certa: il numero 93 della Honda non era presente in conferenza, ovviamente una commozione cerebrale è dura, ma normalmente Marquez farebbe di tutto per tornare a guidare. Tutti ne sono a conoscenza e, afferma A. Espargarò di non sapere se commozione è la parola giusta. Crede che sia qualcosa di peggio.

Sicuramente, la sola certezza che abbiamo in questo momento è che Marc Marquez e la Repsol Honda vorranno farsi trovare pronti per i test in programma a Jerez de la Frontera (Spagna) il prossimo 18 e 19 novembre 2021, importanti per lo sviluppo in vista della prossima stagione 2022.