© FOTO STUDIO COLOMBO PER FERRARI MEDIA

Troppo bello per essere vero. Avranno di certo pensato così i meccanici ed i vertici della Ferrari dopo la vittoria di Sebastian Vettel nel Gran Premio d’Australia. Sul circuito di Melbourne, il pilota tedesco aveva fatto sognare tifosi e semplici appassionati con un successo da incorniciare. Però, nelle scorse ore, è arrivata la doccia gelata. La FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) ha punito lo stesso Vettel per insulti pesanti al suo rivale numero uno Lewis Hamilton.

Secondo una prima ricostruzione, il tedesco avrebbe proferito, via radio, frasi altamente offensive nei confronti del pilota della Mercedes. Un comportamento da condannare, senza dubbio, considerata la gravità del fatto. Così, la Federazione, accertato tutto ciò, ha immediatamente provveduto a cancellare la vittoria dello stesso pilota, oltre a punire la Ferrari con una multa di 300.000 dollari (pari a circa 280.000 euro). Insomma un pasticcio bello e buono da parte del campione, che regala, guarda caso, il primo urrà stagionale a Lewis Hamilton.

Un’ultima annotazione: la notizia è soltanto un Pesce d’Aprile, quindi tutti i “ferraristi” possono stare tranquilli. Vettel non ha mai perso la vittoria nel GP di Melbourne, nè tantomeno insultato Hamilton. Ovviamente anche la Ferrari non è mai stata sanzionata. Ci scusiamo con tutti i nostri lettori per lo scherzo.

© FOTO STUDIO COLOMBO PER FERRARI MEDIA