Addio a Torino, addio alla sede di Parco Valentino. E’ questa la notizia che lascerà scontenti migliaia di piemontesi e torinesi in particolare. Dopo cinque edizioni del celebre salone gratuito che si svolgeva nello splendido contesto del Parco Valentino, il salone dell’auto ha scelto Milano per l’edizione del 2020. Dopo le Olimpiadi, quindi, il capoluogo lombardo si porta a casa anche la rassegna automobilistica. La tegola per il capoluogo torinese va a bersagliare l’amministrazione Appendino, giudicata ormai da molti come non all’altezza della città.

La sesta edizione del Salone dell’Auto all’aperto si svolgerà in Lombardia dal 17 al 21 giugno 2020. Con 54 case automobilistiche, 700.000 visitatori e oltre 2000 vetture speciali che hanno sfilato nel centro città, Parco Valentino si conferma pioniere di un nuovo concetto di Motor Show internazionale.

Il modello Parco Valentino ha anticipato e ispirato le recenti evoluzioni introdotte dai grandi Saloni internazionali: Ginevra, Detroit e Parigi hanno infatti annunciato saloni diffusi per la città e test drive di vetture elettriche per le prossime edizioni.

Il presidente Andrea Levy annuncia: “Seguendo la nostra vocazione innovativa, abbiamo scelto per il 2020 di organizzare la sesta edizione in Lombardia in collaborazione con ACI. Sarà un grande evento internazionale, all’aperto e con una spettacolare inaugurazione dinamica a Milano nella giornata di mercoledì 10 giugno 2020. Ringraziamo la Città di Torino per aver collaborato in questi 5 anni alla creazione di un evento di grande successo, capace di accendere sulla città i riflettori internazionali”.

I dettagli del nuovo progetto e il nuovo logo saranno svelati a settembre in una conferenza stampa ufficiale congiunta con le amministrazioni dei comuni coinvolti. Sicuramente per Milano sarà un ulteriore motivo di vanto e di attrazione a sè di pubblico nazionale ed estero, oltre che un’eccellente opportunità economica e culturale.