MotoGP, Aprilia corre ai ripari: “Abbiamo sbagliato tutto”

Aprilia mastica amaro dopo lo spiacevole episodio di Motegi: Aleix Espargarò deve tentare il tutto per tutto in Thailandia.

Massimo Rivola (LaPresse)
Massimo Rivola – Motori.News

Poche ore al via del GP della Thailandia, 17esimo round del campionato del mondo di MotoGP 2022. In casa Aprilia c’è da digerire un duro boccone dopo quanto successo a Motegi, quando Aleix Espargarò ha incenerito le speranze di avvicinarsi al leader Fabio Quartararo a causa di un errore con la mappa Eco lap, utilizzata nel giro di schieramento per limitare il consumo di benzina.

Un errore umano commesso da un ingegnere ai box dello staff di Espargarò. Dopo le scuse ufficiali il tecnico è stato incoraggiato e si guarda avanti, anche se bisognerà apportare delle modifiche nella gestione del lavoro. L’a.d. Massimo Rivola, che fa dell’organizzazione e della precisione i suoi pallini professionali, assicura che sarà fatta chiarezza per mettere a fuoco il problema ed evitare che possa ripetersi in futuro.

Aleix Espargarò mastica amaro dopo Motegi

Aleix Espargaro (Ansa)
Aleix Espargaro – Motori.News

La distanza in classifica adesso è di 25 punti, iniziano a diventare troppi a quattro gare dalla fine del Mondiale. In Thailandia l’obiettivo minimo è il podio, l’alfiere catalano è costretto a spingere e tentare il tutto per tutto, anche se si tratta di una pista che in teoria dovrebbe favorire la Yamaha M1 e il campione in carica Fabio Quartararo. Il direttore tecnico Romano Albesiano si sente chiamato in causa: “L’errore è un fatto statistico, non c’è mai la certezza assoluta di evitarlo. Succede anche a chi, come in questo caso, in 20 anni non ha sbagliato un colpo – spiega a ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Ora ci stiamo interrogando su cosa fare per eliminare questi avvenimenti“.

Ancora più duro il commento di Massimo Rivola nel post GP del Giappone. “Abbiamo sbagliato tutto… Abbiamo fatto davvero un casino. E’ un errore umano, può succedere. È nostro compito capire perché è successo“. In realtà occorre fare le cose in maniera più semplice a volte, perché la eccessiva meticolosità per ogni minimo dettaglio può causare certi errori. “Per risparmiare un po’ di carburante, sbagli completamente e perdi la gara. Però è anche vero che siamo a un livello in cui cerchiamo ogni singolo millesimo. Maverick [Vinales] è entrato nella Q2 per appena un millesimo. Il nostro lavoro è spingere i limiti. Ma è anche nostro compito farlo in modo sicuro“.

Non cercano alibi nel box di Noale, ma non resta che guardare con fiducia al prossimo Gran Premio al Buriram. “È molto difficile da digerire, ma spero che ci faccia venire più fame della Thailandia, anche se sappiamo che non è la nostra pista“, ha proseguito Massimo Rivola. Aprilia si ritrova per la prima volta in lotta per il titolo MotoGP, ma alla base dell’errore di elettronica non c’è sicuramente l’inesperienza a ritrovarsi in certe condizioni. “Non siamo principianti“, ha detto a Sky Sport MotoGP. “È vero che non siamo abituati a lottare per qualcosa di molto importante. Ma non è questo il punto. È un errore umano che purtroppo può accadere“.