MotoGP, KTM rimescola le carte: c’è un nome a sorpresa, chi se l’aspettava!

Chi correrà con KTM Tech3 in MotoGP 2023? I due piloti sembravano certi, invece spunta una terza interessante possibilità. 

ktm-motogp-tech3-2023
KTM Tech3, dubbi e sorprese – MotoriNews

Il Motomondiale è tornato in azione dopo la lunga pausa estiva. Con una ripartenza stellare, era difficile fare meglio di quanto visto a Silverstone per dare ufficialmente il via alla seconda parte di stagione. Ancora 8 GP da disputare, lotte mondiali sempre più accese, ma si guarda anche al futuro. Ci sono ancora parecchi annunci da fare, in particolare in MotoGP. Un occhio di riguardo per Ducati, che finora ha solo tre piloti ufficializzati su otto, ma si guarda anche agli altri costruttori. KTM in particolare sta valutando la composizione del team satellite Tech3. Sembrava fosse tutto ormai certo, invece è spuntato a sorpresa un terzo possibile nome…

Il ritorno ed il dubbio

Nella squadra ufficiale sappiamo già che ci saranno Brad Binder, confermatissimo e ormai uomo di punta del team, e Jack Miller, in uscita da Ducati. Una nuova sfida per l’australiano, che rileverà la sella occupata da Miguel Oliveira, ai saluti con il marchio di Mattinghofen. Da qualche settimana non sembravano esserci più particolari dubbi nemmeno per KTM Tech3. Raul Fernandez ormai è pure lui in partenza, Remy Gardner invece sembrava destinato alla conferma. L’altra sella è per Pol Espargaro, che ha già dichiarato ufficiosamente di aver firmato col team di Herve Poncharal: un ritorno quindi sotto l’ala di KTM. Ma il posto del campione Moto2 in carica e figlio d’arte, nonostante i recenti progressi in termini di distacchi e feeling con la RC16, ora è stato rimesso in discussione.

Una sella per due

Sarà Remy Gardner il secondo nome di KTM Tech3? A sorpresa, dalla classe intermedia è emersa un’altra possibilità. Si chiama Augusto Fernandez ed è diventato ora il pilota da battere in Moto2. L’ultima dimostrazione l’ha data domenica a Silverstone, quando ha sbaragliato la concorrenza alla fine di una lunga ed accesissima battaglia a cinque. Un trionfo, il quarto del 2022, che gli ha permesso anche di scalzare il nostro Celestino Vietti dalla prima posizione iridata. Il neo leader, parte di KTM Ajo, sta attirando l’attenzione dei vertici di Mattinghofen, in particolare di Pit Beirer, il grande boss di KTM. “Il primo pilota è deciso, il secondo ancora no. Stiamo guardando la nuova generazione, aspetteremo un po’ di più.” In Austria arriverà un primo annuncio, seguirà poi un ballottaggio. La conferma o un volto nuovo? Per questo serve ancora tempo.