MotoGP, Valentino Rossi: possibile “ritorno” in Yamaha dal 2023

Possibili cambiamenti di scenari sulla griglia della MotoGP. Il team di Valentino Rossi tentato da Yamaha, Leopard Racing sogna in grande.

Valentino Rossi (Ansa)
Valentino Rossi – Motori.News

Nel cielo sereno di Jerez de la Frontera è arrivato il fulmine Suzuki: i vertici di Hamamatsu hanno annunciato alla squadra che a fine anno il marchio non correrà più in MotoGP, a causa di una crisi economica dettata dalla pandemia e dalla guerra in Ucraina che mettono in ginocchio le finanze nipponiche. A questo punto molto potrebbe cambiare in griglia e dietro le quinte.

Non ci sono solo da piazzare Joan Mir (verso la Honda) e Alex Rins, ma restano due selle libere che potrebbero fare gola a qualche team satellite e/o new entry. Infatti Leopard Racing, impegnato in Moto3 ma con solide basi finanziarie, tanto da essersi accaparrato all’asta il circuito di Viterbo nell’inverno scorso, starebbe pensando di entrare in classe regina. E la vicenda Suzuki gioca tutta a suo favore.

Valentino Rossi e Yamaha sempre vicini

WithU Yamaha RNF
WithU Yamaha RNF – Motori.News

Ma sullo scacchiere potrebbero esserci altre novità, anche a cominciare dal team VR46 di Valentino Rossi, legato a Ducati per altri due anni. La squadra di Razlan Razali ha un contratto con Yamaha in scadenza a fine anno, ma sia il costruttore giapponese che il manager malese non hanno nessuna fretta di firmare. Non è un mistero che l’Aprilia avrebbe intessuto contatti con WithU RNF per avere finalmente un suo team satellite, così da controbilanciare la perdita delle concessioni dopo il podio di Jerez.

Qualora l’affare Razali-Aprilia andasse in porto, la Casa di Iwata sarebbe alla ricerca di una squadra indipendente e la VR46 farebbe proprio al suo caso. D’altronde Valentino Rossi e Yamaha sono legati, oltre che da un lungo rapporto che li ha portati a vincere quattro titoli mondiali in MotoGP, anche dalla partnership in Moto2 con il team Yamaha VR46 Master Camp. Nonostante la nuova squadra di Tavullia sia legata a Ducati in classe regina.

Da Borgo Panigale non dovrebbero esserci impedimenti qualora il team satellite decidesse di passare alla Yamaha, dal momento che attualmente ha ben otto moto da gestire. Si tratta ovviamente di indiscrezioni e possibili scenari, ma nel paddock di Jerez si è parlato di questo e molto altro. In attesa che arrivino i primi comunicati ufficiali a piazzare i primi tasselli di mercato.