La carriera della Fiat 500L sarà prolungata di altri due anni. Entro la fine del 2020 ci attendiamo novità estetiche, tecnologiche ed a livello di motori per la monovolume costruita in Serbia. In questo modo si cercherà di porre riparo alla crisi di vendite che ha colpito il modello. I motivi di questo crollo produttivo della 500L sono dovuti sia all'”anzianità” di progetto che al segmento a cui appartiene, quello delle MPV, decisamente in crisi.

Fiat sostituirà la 500L tra la fine del 2022 ed i primi mesi del 2023. La produzione della monovolume continuerà probabilmente sino all’inizio estate del 2022. Poi si fermerà l’impianto per lasciare il tempo alla Casa di convertire le catene di montaggio di Kragujevac per la costruzione del nuovo modello.

L’auto che dovrebbe andare a rimpiazzare la 500L dovrebbe essere una versione lunga della Fiat 500 elettrica. Forse non sarà proprio quella Giardiniera di cui si è parlato negli ultimi anni, ma proprio una compatta di segmento B, lunga tra i 415 ed i 420 cm.

Il nuovo modello (che chiameremo per ora Fiat 500 XL) apparterrà al brand di lusso 500. L’auto avrà dunque contenuti di fascia alta, diverse possibilità di personalizzazioni e probabilmente sarà solo elettrica.

Il design ricorderà molto la piccola utilitaria appena lanciata, ma le proporzioni saranno ben diverse, assicurando più spazio a bordo e maggiore capacità di carico. L’aumento di dimensioni renderà possibile l’installazione di un pacco batterie di maggiori dimensioni rispetto ai 42 kWh montati sulla 500 elettrica.

L’auto potrebbe avere 55-60 kWh di batterie ed assicurare un’autonomia di oltre 400 km. A livello di motorizzazioni la nuova elettrica di Fiat potrebbe avere sia il motore da 118 CV visto sulla nuova 500, ma anche un secondo propulsore, più potente, con indicativamente 135-150 CV.

Il nuovo modello di Fiat avrà prezzi d’attacco superiori di circa 3-4.000 € rispetto alla neonata 500 elettrica. Questa vettura dovrebbe consentire, a regime, il pieno impiego della manovalanza serba che ha svolto molta cassa integrazione nell’ultimo periodo e non solo per causa Covid-19.

Come sempre c’è in ballo il brand Abarth che potrebbe ottenere una sua variante pepata. Il tutto è ancora comunque da decidere. Continuate a seguirci, vi terremo aggiornati.