La notizia è di quelle che faranno storia, finalmente Stellantis ha pronunciato parole interessanti e pesanti sul futuro di Lancia. Il tutto andrà confermato entro la fine del 2021, ma ormai si può dare per certo. Dal 2024 ci sarà una vera e propria rivoluzione industriale, proprio nel 45esimo anniversario dalla nascita della prima Lancia Delta.

Sino ad allora il brand torinese rimarrà a listino con la Ypsilon appena rivista. Poi a fine 2023 saranno presentate tutte le novità che tenteranno di rilanciare il marchio dal 2024.

UNA POLITICA INDUSTRIALE GREEN

Il neo CEO Tavares ha stabilito che il primo marchio di Stellantis a convertirsi totalmente ell’elettrico sarà Lancia. Si tratta del brand più in difficoltà e con l’offerta di modelli più ristretta. Quindi in questo modo si cercerà di dare la scossa a tutti gli effetti alla Casa torinese.

Lancia adotterà la stessa politica messa in atto da Smart, con il passaggio totale e definitivo alle vetture elettriche. Addio motori termici e versioni ibride. Dal 2024 Lancia commercializzerà solo modelli a batteria.

Nel 2023 sarà presentato il nuovo logo di cui abbiamo mostrato l’immagine in copertina. Lo scudo rimarrà tale e quale ad oggi a livello di forma. Verrà modificato lo stemma interno su sfondo blu che si trasformerà in una “e” minuscola, simbolo di tecnologia elettrica.

Viene rimpicciolita anche la scritta Lancia, sempre racchiusa nello spazio blu.

NUOVI MODELLI

A partire dal 2024 ci sarà il ritorno di ben tre vetture che vedremo tra il 2024 ed il 2025. Prima di tutte sarà la nuova Lancia Delta, la cui presentazione avverrà a fine 2023, con commercializzazione nel 2024. Si tratterà di una berlina media di segmento C, progettata sulla piattaforma eVMP. Lunghezza di circa 440 cm e batterie da 60 e da 80 kWh con autonomie comprese tra 400 e 600 km.

La nuova Delta adotterà la trazione posteriore di serie nelle versioni meno potenti e quella integrale in quelle provviste di doppio motore. La versione base adotterà un propulsore da 170 CV circa collocato dietro. Poi avremo una versione con propulsore singolo posteriore da circa 220 CV ed infine una potente variante con doppio motore, da 150 CV davanti e 220 CV dietro per un totale di 370 CV (sarà la nuova HF Integrale).

Sempre nel 2024 arriverà la nuova Lancia Ypsilon, basata sulla piattaforma CMP, com motore elettrico da 136 CV e possibile versione da 150 CV. Infine nel 2025 ecco il mini suv da ciittà Musa, sempre basato su piattaforma CMP e stessi motori della Ypsilon.

Con il 2026 ci attendiamo poi la presentazione di un’ammiraglia che arriverà solo se tutto ciò che è stato detto sino ad ora verrà effettivamente confermato. Per ora (purtroppo) si tratta di un grande pesce d’aprile. Per il vero futuro di Lancia si dovrà aspettare fine anno.