L’Alfa Romeo Giulia (ed anche la Stelvio) saranno sottoposte al restyling di metà carriera. La presentazione ufficiale delle due versioni riviste sembra essere fissata per il prossimo mese di novembre, con inizio delle commercializzazioni con il nuovo anno. Le due vetture otterranno aggiornamenti nel campo dell’infotainment, della sicurezza e dei motori. Ma andiamo per ordine.

Testimonial del lancio della nuova Alfa romeo Giulia e del suv Stelvio saranno Kimi Raikkonen con la moglie Minntu. La campagna pubblicitaria sarà basata su 5 mini spot. L’immagine utilizzata in copertina dell’articolo è un render rivisto, preso dal video di Benedict Darius 7. Riportiamo il link per correttezza:

La nuova Alfa Romeo Giulia sarà rivista leggermente nell’estetica. Arriveranno i nuovi fanali full LED sia davanti che dietro. Potrebbero debuttare nuovi cerchi in lega. Diverse migliorie si avranno internamente, lato dove Giulia e Stelvio pagano dazio rispetto alle avversarie tedesche.

A quanto pare, sembra che sulla nuova Alfa Romeo Giulia, così come sulla Stelvio MY 2020, potrebbe fare il suo esordio la strumentazione digitale. Inoltre sarà rivisto e migliorato il sistema di infotainment con perfezionamento della connettività Android Auto ed Apple Car Play. Sulla nuova Alfa Romeo Giulia arriveranno novità nel campo dei sistemi di sicurezza. Gli ADAS disponibili saranno così al passo con le concorrenti. Leggeri ritocchi ci saranno infine a pomello del cambio, design del volante e alla trasmissione.

Il prezzo d’attacco dei nuovi modelli della Casa del Biscione rimarrà sostanzialmente invariato. Tramite questa politica di più sostanza allo stesso prezzo Alfa Romeo cercherà di riprendersi un po’ nelle vendite, scese nel 2019 ai minimi storici. Il dato è davvero pesante con un – 50 % di commercializzazioni in Italia ed un – 43,8 % in Europa dall’inizio dell’anno.

In un secondo momento arriveranno novità nelle motorizzazioni. Queste sono attese per l’estate 2020 con inizio delle commercializzazioni nell’autunno del prossimo anno. Non ci sarà, però, nessuna Alfa Romeo Giulia ibrida ricaricabile. La Stessa sorte toccherà alla Stelvio. La prima plug-in in Casa Alfa Romeo sarà dunque il suv Tonale atteso a fine 2020 con vendite da inizio 2021.

Giulia e Stelvio beneficeranno comunque della tecnologia micro ibrida a 48 V. Questa sarà adottata sui motori 2.0 a benzina e sul potente 2.9 litri V6 della Quadrifoglio Verde. Lo stesso sistema sarà montato anche sulle 2.2 litri a gasolio. Il prezzo delle versioni mild-hybrid sarà di circa 1.500-2.000 € superiore alle pari versioni sprovviste di questa tecnologia.

L’ibrido leggero porterà una manciata di CV in più, che andrà a bilanciare l’aumento di massa dovuto alla presenza di mini batterie e della turbina ad attivazione elettrica. Le varianti Quadrifoglio Verde potrebbero toccare i 520 CV. Ad oggi non abbiamo ulteriori dettagli sulla possibilità dell’arrivo di un piccolo 1.5 Firefly a benzina con una potenza di poco superiore ai 200 CV.