L’Alfa Romeo Montreal è una sportiva della Casa italiana prodotta tra il 1970 ed il 1977. L’auto era dotata di un potente motore V8 da 2,6 litri dotato di iniezione meccanica Spica. La potenza, piuttosto elevata per l’epoca, era di circa 200 CV. Prestazioni esuberanti con velocità massima superiore ai 220 km/h con scatto da 0 a 100 in 7,1 secondi.

Di questo modello ne sono stati prodotti meno di 4.000 esemplari. Per questo motivo e per la linea inconfondibile, l’Alfa Romeo Montreal sta diventando sempre più un oggetto di culto per i patiti di auto d’epoca. Le quotazioni odierne parlano di un valore che va dai 65 ai 90 mila euro, in base alle condizioni. L’auto era una sportiva a 2+2 posti, lunga 422 cm ed alta solo 121 cm, con una massa di circa 1.300 kg.

Mostriamo oggi il render di un’Alfa Romeo Montreal riproposta con linee moderne. Si tratta di un lavoro del designer Helio Queiroz. Le immagini sono state prese dal filmato Youtube di Kurumacar. Inseriamo di seguito il link al video:

Ovviamente si tratta ancora e solo di un semplice studio di design che non ha nulla di ufficiale. Ci è sembrato doveroso dovervelo mostrare data la (a nostro modesto parere) bellezza delle immagini.

Una nuova generazione dell’Alfa Romeo Montreal non è infatti nei piani a breve termine della Casa di Arese. Anche perchè, ad oggi, le notizie certe che abbiamo sul brand non si spingono ad oltre il 2022, quando verrà presentato il terzo suv (di segmento B) Alfa Romeo Brennero.

Per sapere se effettivamente l’Alfa Romeo Montreal o comunque una sportiva con stemma della casa di Arese tornerà a listino, dovremo aspettare che venga svelato il piano industriale di Stellantis, in arrivo tra fine 2021 ed inizio 2022.

Una futura Montreal ci piacerebbe immaginarcela con questo design. Linee tese, molto bassa ed aggressiva e magari con una potente motorizzazione a benzina. Il V6 della Stelvio e della Giulia QV, con 510 CV, potrebbe essere il giusto propulsore per una super sportiva di circa 4,5 metri di lunghezza, a due porte. Velocità massima di 315 km/ e scatto da 0 a 100 in circa 3,6 secondi sarebbero dati senza dubbio interessanti.

Non sarebbe male neppure una variante meno spinta, magari micro ibrida, con il 2.0 turbo a 4 cilindri da 330 CV che ha appena esordito sulla Maserati Ghibli. Vedremo cosa ci riserverà il futuro. Continuate a seguirci.