La nuova Land Rover Defender dovrebbe fare il suo debutto tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020. La presentazione potrebbe avvenire tra il prossimo Salone di Francoforte e quello di Ginevra del 2020. Sembra siano sfuggite dalla rete le prime immagini della plancia definitiva che vedremo sul nuovo fuoristrada inglese. Riportiamo la fonte dalla quale abbiamo preso la foto per correttezza. Trattasi del video della pagina Youtube di FR News:

Esteticamente la nuova Land Rover Defender è stata annunciata alcuni mesi fa da un prototipo camuffato che lasciava intravedere alcuni tratti estetici della nuova versione a passo corto. L’auto dovrebbe chiamarsi Defender 90. Contemporaneamente uscirà anche la versione a passo lungo detta 110. Per la corta immaginiamo una lunghezza di circa 440 cm, mentre la lunga dovrebbe sfiorare i 490 cm.

La nuova Land Rover Defender dovrebbe basarsi sulla nuova piattaforma MLA che andrà ad equipaggiare i nuovi modelli della Casa inglese sino al 2025. Gli interni svelati in una foto presa dalla pagina Twitter di @rcdesignuk raffigurano una plancia minimale, quasi spartana.

Tanta, però, dovrebbe essere la tecnologia a bordo con la strumentazione digitale di serie, clima automatico bi-zona e cambio automatico con leva molto corta come si vede nell’immagine. Il volante ha uno stile un po’ retrò, ma ci sta su un auto che deve e dovrà in tutto e per tutto rievocare l’insuperabile antenata uscita di scena pochi anni fa.

Jaguar Land Rover ha smentito che la foto circolata in rete raffiguri realmente gli interni della nuova Land Rover Defender. Noi invece crediamo che l’aspetto definitivo sarà molto simile a quello mostrato. Spesso queste “fuoriuscite” sono strategie di marketing per focalizzare l’interesse generale sulla marca.

Sotto l’aspetto motoristico arriveranno inizialmente e presumibilmente sulla nuova Land Rover Defender i motori 2.0 litri a benzina ed a gasolio Ingenium. Le potenze dovrebbero esser tra 150 e 240 CV. In un secondo momento potrebbe arrivare una versione ibrida, ma parliamo della fine del 2020 o l’inizio del 2021.