La Casa di Hinkley presenta il nuovo “Triumph Trident Design Prototype”, una naked di media cilindrata e fascia bassa con forme morbide e retrò.

Il nome Trident non è nuovo per la Triumph, un logo già presente due modelli della casa inglese. Uno del ’69, sportivo ma sfortunato, e uno del ’91. Entrambe le moto avevano la stessa caratteristica della nuova…naked e tre cilindri.

Screenshot preso dal video ufficiale di Triumph

Il design della moto è molto pulito ed inspirato alle moto classiche della casa inglese. La progettazione è durata 4 anni ed è stata curata dal reparto di Design interno con la collaborazione di Rodolfo Frascoli. A farla da padrone troviamo un serbatoio panciuto con le classiche rientranze per lasciare spazio alle ginocchia. La parte posteriore è molto semplice con una sella unica. I due elementi sono puoi uniti da dei fianchetti che reinventano i classici elementi del passato. L’immagine in copertina della due ruote inglese è stata presa dal video youtube di Moto.it:

Essendo stata divulgata solo la maquette in un bianco cangiante a livello tecnico possiamo solo ipotizzare analizzando i carter motore che il motore sia la versione che equipaggiava la vecchia Street Triple aggiornato per le nuove classi di emissioni. Il telaio è una semplice struttura in tubi di acciaio mentre il forcellone posteriore sembra essere in fusione servito da una sospensione Cantilever. La forcella è a steli rovesciati ma è equipaggiata con pinze assiali a due pistoncini.

Sono tutti dettagli che sommati alla produzione nella fabbrica Thailandese fanno intendere un attacco alla fascia bassa dei nostri mercati ed una fascia premium di quelli dei paesi emergenti possibili.

Steve Sargent, Triumph Chief Product Officer ha dichiarato:

“Il Triumph Trident Design Prototype segna l’inizio di un nuovo ed emozionante capitolo per Triumph dove uno stile iconico, inusuale per il segmento, si armonizza con il divertimento di guida. Le linee pulite, pure e minimali rappresentano il DNA di Triumph e ricevono un tocco di grinta se pensiamo ai richiami al mondo della Speed Triple: in poche parole, si intravede già da ora la futura personalità della nuova Trident.

Il nostro obiettivo ultimo è offrire una roadster emozionante, distintiva e particolarmente piacevole da guidare, in particolare alle nuove generazioni di giovani rider che cercano stile e qualità a condizioni accessibili”.

Non ci resta che aspettare la primavera per vedere il modello definitivo.