Pecco Bagnaia preoccupato in Catalunya: “Può essere pericoloso”

il GP di Catalunya per Pecco Bagnaia comincia all’inseguimento delle Aprilia: la mancanza di grip complica il lavoro del pilota Ducati.

Pecco Bagnaia e Aleix Espargaro (Ansa)
Pecco Bagnaia e Aleix Espargaro – Motori.News

Per Pecco Bagnaia il week-end in Catalunya inizia con un 4° posto nella combinata delle prove libere del venerdì. Il vicecampione della MotoGP accusa un gap di mezzo secondo dal best lap di Aleix Espargarò seguito dall’altra Aprilia RS-GP di Maverick Vinales. Le moto di Noale partono subito forte sul tracciato del Montmelò, la mancanza di grip sembra essere un bel problema per tutti, per le Desmosedici GP forse più.

In queste condizioni Aleix e Maverick potrebbero trovare terreno favorevole, con il catalano che ha in mano la possibilità di effettuare il sorpasso su Quartararo in classifica. Allo stesso tempo Pecco Bagnaia sa di non potersi permettere altri errori dopo quelli di Losail e Le Mans. “L’Aprilia è molto competitiva in queste condizioni, quindi al momento ha un certo vantaggio – ha detto il pilota Ducati come riportato da Speedweek.com – Non ho mai guidato una moto su una pista con così poca trazione“.

Pecco Bagnaia insegue le Aprilia

Pecco Bagnaia (LaPresse)
Pecco Bagnaia – Motori.News

L’asfalto del Montmelò è stato rifatto appena tre anni fa, eppure la mancanza di grip continua a caratterizzare questo layout che, almeno sulla carta, dovrebbe favorire le Rosse. Ma a patto che ci siano condizioni ideale di aderenza, cosa che non avviene. “Quando l’asfalto è stato rifatto nel 2018 era nero, adesso è bianco – si lamenta Bagnaia -. Forse sono le condizioni climatiche, i tanti giorni in pista o la Formula 1, non lo so“.

Dopo la recente vittoria del Mugello Pecco ha necessità di fare cassa di punti iridati, prima che Fabio Quartararo (o Aleix Espargarò) prenda il volo e nella seconda parte di campionato rischi di divenire imprendibile. Risuona l’allarme nel box Ducati, bisogna correre ai ripari per la gara di domenica, scegliere la giusta strategia degli pneumatici.  “Ogni anno qui peggiora di molto“, ha proseguito il pilota pimontese. “È difficile percorrere le curve velocemente, ma anche in frenata. Può essere pericoloso!“.

Non è possibile concedersi altri zeri, Pecco dovrà giocare molto sulla concentrazione, le Aprilia partono da favorite. “Al momento è impossibile attaccare, bisogna stare attenti a tutto. In frenata, in uscita di curva, in accelerazione. In gara dovremo scegliere la giusta strategia perché la gomma si degrada velocemente – ha concluso Pecco Bagnaia -. Sarà dura e difficile“.