Tanti auguri Porsche per i tuoi primi 70 anni. Una storia davvero splendida che parte nel 1948 con la Porsche 356 ed arriva ai giorni nostri con la Porsche 911 Speedster Concept. In mezzo tante auto che hanno fatto la storia.

Dopo la presentazione della prima elettrica Porsche Taycan ecco un’altra chicca per gli appassionati del marchio tedesco. Si chiama Speedster Concept il modello speciale presentato per i 70 anni di . Un’auto davvero bella che riprende in tutto e per tutto i caratteri che contraddistinguono Porsche. La 911 Speedster Concept, basata sull’attuale Carrera Cabrio, monta un motore aspirato da 500 CV (quello della GT3) abbinato ad una trasmissione manuale a 6 rapporti. Un’auto per puristi con dettagli che non passano inosservati. Come per le “barchette” di un tempo, la 911 Speedster Concept presenta linee filanti con il parabrezza abbassato così come i finestrini.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dietro ai sedili troviamo una cover in fibra di carbonio ultra-leggera dalla quale emergono due bolle. Dentro ad esse ci sono i rollbar di sicurezza. La 911 Concept speedster rimane per ora una semplice prova di stile, ma potrebbe debuttare come variante di serie sulla prossima Porsche 911 (992). Molto bello anche lo scarico posteriore in titanio ed i cerchi in lega da 21″ con unico dado centrale. Insomma una vettura per puristi il cui prezzo, se prodotta in piccola serie, andrà alle stelle.

Parco Valentino 2018

Porsche come detto festeggia in questo periodo i suoi primi 70 anni. La 911 Speedster Concept è solo l’ultima di una sterminata serie di modelli che hanno fatto la storia dell’automobile. Siamo alla fine degli anni ’40 quando viene lanciata la Porsche 356. Modello di notevole successo che all’inizio montava il motore della cugina Vw Maggiolino con soli 40 CV. Poi arrivano subito le versioni sportive con potenze sino a 130 CV. Arriva poi tra il 1963 ed il 1964 la Porsche 910, subito dopo chiamata 911. Il numero 901 era infatti proprietà di Peugeot, Porsche pensò di cambiarlo con un 1…da qui nasce un mito che dura ancora oggi. Sono davvero tante le varianti di Porsche 911 dagli anni ’60 ad oggi. Dalla Targa alla Turbo, passando per 2.7 RS, RS, Cabrio, SC RSR, GT3, GT3 RS, Turbo S, GT2 fino all’ultima 911 Speedster Concept.

Un’auto che ha fatto davvero la storia, inconfondibile dal punto di vista stilistico. Non solo 911 negli anni (alla prima versione sono poi seguite la 930, la 964, la 993, la 996, la 997 e la 991 in attesa della prossima 992). Ricordiamo anche le Porsche 904, 924, 944. Poi anche la Porsche 928, la Boxster, la Cayman, l’odierna Porsche 718. Modelli speciali come la 550 Spyder, la 959 e la Carrera GT.

Negli ultimi decenni poi ecco la nuova rivoluzione. Spazio ai suv ed al lusso con la , giunta ormai alla terza edizione), seguita dalla grande berlina sportiva Panamera e dall’ultimo suv Porsche Macan. In questi 70 anni anche tantissimo spazio al motorsport che dura anche oggi. Sono ben 19 le vittorie assolute alla 24 Ore di Le Mans, innumerevoli i tutoli in campionati continentali e nazionali visti con la 911 e la Cayman/718. Tante anche le vittorie di successo con altri modelli derivati dalle auto di serie come la 935 “Moby Dick”, la 89P preparata per la Champ Car e molte altre.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Riviviamo questo mito con una breve carrellata di immagini che ci sono state gentilmente concesse dalla parata che Porsche ha organizzato al Salone Parco Valentino 2018. Tanti bei modelli ed un concentrato di storia senza pari. E concludiamo con una frase speciale che , ideatore del marchio, disse all’inizio di questa avventura: “Non riuscivo a trovare l’auto sportiva dei miei sogni, così l’ho costruita da solo“.