La Renault Scénic è la monovolume d’attacco della Casa francese, giunta oggi alla quarta generazione. Dalla seconda versione di quest’auto è in commercio anche la variante a 7 posti chiamata Renault Grand Scénic. L’auto offre così più spazio a bordo grazie ad un maggiore sbalzo posteriore, sacrificando il bagagliaio (quando utilizzata in configurazione a 7 posti). Nell’ultima generazione, nata nel 2016, sono state riviste le linee dell’auto che ora, più che una monovolume, richiama un crossover. Motori.news ha testato la versione a gasolio da 120 CV dotata del propulsore Blue dCi di ultima generazione, in allestimento Business. Ecco come si è comportata:

LINEA E DIMENSIONI

Nata nel 2016, la quarta generazione della Renault Scénic ha cambiato rotta. Anche la versione a 7 posti Renault Grand Scénic ha seguito la stessa strada. Entrambe queste auto ora hanno una linea più trendy ed al passo con la moda attuale. Il merito è tutto nell’aver conferito un aspetto da crossover ad una vettura nata come monovolume. Come ha dato vita a questo nuovo look Renault? Pochi e semplici tocchi come i finestrini ed il lunotto posteriore più sottili, enormi cerchi in lega da 20 pollici e quel baffo cromato nella parte laterale tra le portiere anteriori e quelle posteriori (in stile Captur) hanno ringiovanito e non poco l’aspetto della Renault Grand Scénic. Le dimensioni dell’auto sono piuttosto importanti. Per ospitare sino a 7 persone, la Renault Grand Scénic è lunga 463 cm, larga 187 cm ad ha un passo di 2,8 metri. I due posti dell’ultima fila sono facilmente abbattibili e regalano spazio al bagagliaio quando non in uso. La capacità di carico di questa monovolume va dai 189 litri in conformazione a 7 posti (come una citycar) sino ai 2.100 litri quando sono eliminate entrambe le file di sedili posteriori. Questa versione ha inoltre un serbatoio per il gasolio da 53 litri ed una massa in ordine di marcia di circa 1.750 kg.

PRESTAZIONI E CONSUMI

Sulla Renault Grand Scénic utilizzata per questo test era montato il propulsore Blue dCi a gasolio di ultima generazione da 1.7 litri e 120 CV. La coppia massima è di 300 Nm a soli 1.500 giri/min. Buona la velocità massima di 195 km/h, un po’ pigre, invece, accelerazione e ripresa. Lo scatto da 0 a 100 avviene in 15,2 secondi. Nei sorpassi spesso c’è bisogno di scalare marcia. I cambio manuale a 6 rapporti in dotazione a questa versione si è comunque dimostrato preciso. Per avere più brio si può optare anche per lo stesso propulsore a gasolio, ma nella versione da 150 CV. Chi percorre meno strada ha anche la possibilità di acquistare le versioni a benzina, tutte dotate del 1.3 litri TCe da 115, 140 o 160 CV. La tenuta di strada e la frenata di questa Renault Grand Scénic si sono dimostrate buone. Molto bene i consumi, specie nei tratti extraurbani con i 20 km/litro a portata di mano nonostante la mole dell’auto. Attenzione a non spingere troppo quando la vettura è a pieno carico, le percorrenze medie su questa versione da 120 CV calano in maniera rilevante. Con 53 litri di serbatoio, i viaggi senza soste sono cosa comunque fattibile.

COMFORT ED OPTIONAL

Con questo cambio di look la Renault Grand Scénic ha perso sicuramente la caratteristica di ottima visibilità che si aveva nella versione precedente. Come detto la superficie vetrata è diminuita per dare più carattere e spazio all’estetica. Poco importa perchè i sensori parcheggio anteriori e posteriori sono presenti di serie (la telecamera posteriore costa 250 €). La Renault Grand Scénic Blue dCi 120 CV in allestimento Business costa 30.900 €. La cifra è senza dubbio appropriata visto che stiamo parlando di un’auto che ha le dimensioni di una segmento D. Inoltre l’abitacolo è rifinito con cura e con materiali che offrono buone sensazioni al tatto. Di serie ci sono il cruscotto digitale con tecnologia TFT, il clima bi-zona ed il sistema di infotainment R-LINK 2 compatibile con Android Auto e Apple Carplay, completo di navigatore satellirare con cartografia Europa e con schermo da 7 pollici. Sempre senza sovrapprezzo abbiamo enormi cerchi in lega da 20 pollici, cromature esterne e luci diurne a LED, 2 prese da 12 V (interessanti per i nuovi dispositivi anti abbandono per i seggiolini). Per quanto riguarda la sicurezza gli ADAS di serie sono: sistema di rilevazione della stanchezza, sistema di frenata d’emergenza attiva con rilevatore pedoni, riconoscimento della segnaletica stradale ed allerta superamento linea di carreggiata. Anche attingendo dalla lista degli optional il prezzo dell’auto non sale di molto visto il costo non eccessivo di ciò che non si ha di serie. L’assistenza al mantenimento di corsia costa solo 250 €. Insomma questa Renault Grand Scénic si è rivelata davvero un’ottima vettura, completa, spaziosa e senza troppi fronzoli. La consigliamo alle famiglie numerose. Per chi inoltre vuole viaggiare in maniera più confortevole c’è la stessa versione dotata di cambio automatico a 2.000 € in più.

PREGI

Spazio e comfort a bordo

Linea nettamente più riuscita rispetto alla precedente versione

Equipaggiamento completo

DIFETTI

Visibilità posteriore migliorabile

Accelerazione e ripresa non da primato

Bagagliaio piccolo quando si viaggia in 7