Arrivano tante novità in Casa Skoda. la prima è la Skoda Kodiaq RS, versione sportiva del grande suv, che vedremo al salone di Parigi. La vettura ha girato in questi giorni al Nurburgring. Novità in vista anche per la Superb, con l'ibrido in arrivo

Sarà lanciata al prossimo Salone dell’Auto di Parigi la RS, versione sportiva del grande suv della Casa ceca. Intanto giungono le prime immagini del record fatto segnare dalla vettura sul circuito del Nurburgring. La Kodiaq RS, pilotata da Sabine Schmitz, ha percorso gli oltre 22 km del celebre circuito tedesco in 9’29″84. Si tratta del nuovo record per la categoria suv a 7 posti. Nelle immagini la vettura appare ancora vistosamente camuffata, sarà svelata ufficialmente nelle prossime settimane.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non si conoscono ancora i dettagli tecnici sulla motorizzazione adottata. C’è chi afferma che possa essere un motore a gasolio e chi dice che venga adottato un propulsore a benzina. Oppure la Skoda Kodiaq RS potrebbe avere, come per la Octavia, entrambe le motorizzazioni. In ogni caso se a gasolio ci sarà il 2.0 litri BiTDi di Passat e Tiguan con 240 CV, altrimenti a benzina spazio al 2.0 litri TSI da almeno 250 CV. Le prestazioni dovrebbero consentire alla Skoda Kodiaq RS di raggiungere una velocità massima di poco superiore ai 230 km/h. Ignoto ancora anche il prezzo che comunque dovrebbe attestarsi poco al di sopra dei 45.000 euro.

Tante novità in vista per tutta la gamma Skoda. Oltre alla Skoda Kodiaq RS stanno già girando su strada i muletti della Skoda Superb restyling che arriverà nel 2019. Per lei si parla di motorizzazione ibrida e micro ibrida. la prima dovrebbe essere quella già impiegata sulla Passat GTE con il 1.4 TSI coadiuvato da unità elettrica per circa 210 CV di potenza. Sempre sulla Superb dovrebbe arrivare anche la tecnologia micro ibrida con il 1.5 litri TSI nelle varianti da 130 CV (disponibile sulla Golf) e 150 CV.

Skoda ha anche annunciato di voler arrivare a toccare i 2 milioni di veicoli venduti entro il 2025 (da 1,2 milioni del 2017) introducendo tante novità anche elettriche. Per avere questa crescita, la Casa ceca dovrà costruire le proprie auto in un nuovo stabilimento oltre a quelli attuali. Si sta studiando la scelta migliore di dove collocarlo, ma sembra sicuramente fuori dai confini della Repubblica Ceca.