Arriverà a breve la nuova Skoda Octavia a metano dotata del motore 1.5 TSI da 130 CV e 17,7 kg di capacità di metano. La vettura sarà immatricolabile come mono fuel

Arriverà a breve presso i punti vendita la nuova G-Tec a metano. Il motore non è più il 1.4 turbo da 110 CV, ma il nuovo 1.5 litri TSI da 130 CV. la nuova Skoda Octavia G-Tec guadagna quindi sia in potenza, ma soprattutto in efficienza e rispetto dell’ambiente.

Il nuovo motore a metano disponibile sulla Skoda Octavia è omologato 6d-temp e riduce del 25% le emissioni nocive per l’ambiente (a livello di ossidi di azoto). L’auto è inoltre abbinata alla trasmissione automatica a 7 rapporti DSG a doppia frizione. Non sono noti ancora prezzi ed allestimenti per il mercato italiano, ma in promozione il prezzo d’attacco della nuova Skoda Octavia G-Tec potrebbe attestarsi attorno ai 21.000 euro.

Un enorme cambiamento caratterizza questa vettura. Non più un serbatoio di capienza uguale a quello della pari versione a benzina, ma un piccolo serbatoio da 11,7 litri. Le bombole di metano sono invece state portate ad una capienza di 17,7 kg di gas (+ 2,7 kg) grazie a tre serbatoi. Due nel vano bagagli ed uno metallico di fronte all’asse posteriore. L’autonomia con il solo serbatoio di metano è garantita di 480 km pari a poco più di 27 km/kg di metano.

Un enorme risparmio considerando che un kg di metano costa poco meno di 1 euro e che la percorrenza è di poco superiore rispetto ad una vettura a gasolio. Non sono ancora note le prestazioni della nuova Skoda Octavia 1.5 TSI G-Tec, ma la velocità massima dovrebbe attestarsi attorno ai 205 km/h con uno scatto da 0 a 100 in circa 10 secondi o poco sotto. La nuova versione della Skoda Octavia a metano sarà in vendita solo con carrozzeria station wagon.

Il fatto che il serbatoio della benzina sia inferiore ai 15 litri renderà omologabile la vettura come mono fuel. Il tutto a vantaggio della spesa per il bollo che per le vetture ritenute a carburante unico (solo per il gas) hanno un’esenzione del 75% del ed addirittura in certe regioni beneficiano dell’esenzione totale.