MotoGP: Jack Miller-Ducati, dolci parole d’addio. “Onesti con me al 100%”

Jack Miller e Ducati, ultime gare insieme prima della separazione. Ma l’australiano non ha che belle parole per il marchio italiano. 

jack-miller-ducati-motogp
Jack Miller, Ducati – MotoriNews

Svariate collaborazioni finiranno a conclusione di questa stagione MotoGP 2022. Una di queste vede protagonisti Jack Miller e Ducati, ormai ai saluti prima del passaggio dell’australiano a KTM. Un binomio però determinato a chiudere al meglio questa lunga collaborazione ed un primo segnale è arrivato a Silverstone. Miller ha combattuto e si è preso di forza il podio, anche se alla fine non gli è riuscito di arginare uno scatenato Vinales. Poco male, sono punti importanti, e soprattutto non c’è rammarico tra le due parti, tutt’altro.

“Tanto di cappello a loro due”

Ma parliamo in generale del suo fine settimana. In qualifica è stata una lotta campale tra le Ducati e le Aprilia per la prima posizione in griglia, e a colpi di record del tracciato. Il tempo di Marc Marquez è un lontano ricordo, in otto hanno fatto molto meglio! Jack Miller però evidenzia due piloti in particolare. “Vedere Johann [Zarco] e Maverick [Vinales]… Se avessi provato a fare di più sarei finito nella ghiaia. Tanto di cappello a loro due!” Segue la gara e Miller è decisamente soddisfatto del terzo posto, un’ottima ripartenza dopo la lunga pausa estiva. “Una bella battaglia con tante persone diverse” ha scritto il #43 di Ducati sul suo blog post gara. Zarco, Fabio Quartararo, Alex Rins, poi purtroppo scomparsi dalla corsa per differenti motivi. Infine Pecco Bagnaia, determinato ad approfittare al massimo delle difficoltà del campione MotoGP in carica. Nonostante il calo finale delle gomme, Miller ha tenuto il podio, prendendo punti preziosi che gli hanno permesso di recuperare anche in classifica iridata.

Ducati-Miller, storia di un amore

Facendo un piccolo passo indietro, nel corso del GP a Silverstone c’è qualcos’altro che ha attirato l’attenzione. Per la precisione una novità curiosa apparsa nel venerdì di libere sulle Desmosedici, trasformate in Pokémon, come le ha definite anche Bastianini. Per Miller è diventato “lo stegosauro“. Ma l’australiano sottolinea il grande significato di questo dettaglio. “Dimostra quanto Ducati si stia impegnando con tutti i suoi piloti, anche con me in partenza. È il loro stile, il loro DNA. Fornire dati ad un pilota che se ne va è piuttosto inusuale per un costruttore, ma loro sono stati onesti con me al 100%, sempre. È qualcosa che apprezzo moltissimo.” Jack Miller e Ducati sono destinati a separarsi, ma nel miglior modo possibile, come si legge appunto attraverso le parole del pilota australiano. Storia di un amore ormai al capolinea, ma le due parti non dimenticheranno.