Nel 2022 ormai è certo l’arrivo del terzo suv di Casa Alfa Romeo. Il progetto prenderà piede indicativamente entro la metà del prossimo anno quando inizieranno a concretizzarsi i piani industriali del nuovo gruppo automobilistico FCA-PSA. Altro punto pormai dato per assodato è che il nuovo suv di Alfa Romeo dovrebbe essere prodotto sulla piattaforma CMP di PSA. Questa è infatti la più moderna e la più idonea per poter dar vita ad una versione elettrica. Quest’ultima risulta ormai necessaria per poter rispettare le stringenti normative europee anti inquinamento.

Il B-suv di Alfa Romeo potrebbe essere una vettura a trazione anteriore, lunga circa 425 cm, che andrà a proporre una gamma motorizzazioni fatta di versioni elettriche, a gasolio ed a benzina. L’alettrica con 136 CV e almeno 50 kWh di batteria avrà un’autonomia di oltre 350 km.

Il nuovo suv Alfa Romeo sarà basato su tecnologia francese

A benzina i primi indiziati a finire sotto al cofano sono i propulsori PureTech da 1.2 e da 1.6 litri (in forse per un’eventuale versione Veloce). Poi spazio ai diesel BlueHDi. Il design del nuovo sul Alfa Romeo avrà linee sportive e muscolose e si posizionerà in una fascia di mercato piuttosto elevata con avversarie come l’Audi Q2 o le versioni più accessoriate della T-Roc e della Peugeot 2008. Dovrebbe arrivare poi, entro il 2023, anche un suv su stessa base marcato Lancia.

CHE NOME AVRA’ IL NUOVO B-SUV ALFA ROMEO?

Se fino a pochi giorni fa sembrava ormai certo che il nome del nuovo suv di Alfa Romeo sarebbe stato Brennero, ultimamente sono spuntate delle alternative. Brennero sarebbe la denominazione più ovvia, trattandosi di un passo di montagna che andrebbe a riprendere la nomenclatura già adottata per le due sorellone di Casa, vale a dire la Stelvio e la Tonale. Un rimando alla montagna sottolineerebbe le caratteristiche da off-road dell’auto.

L’altra alternativa spuntata neglli ultimi giorni è quella di Milano. La citta lombarda, il cui nome è già stato adottato nel modello uscito di listino MiTo sarebbe una seconda possibile scelta. Il rimando alla MiTo ricondurrebbe il nuovo suv al segmento B, come esso sarà.

Altre alternative potrebbero essere Torino, sempre per lo stesso discorso fatto su Milano, oppure Arese, per testimoniare le origini del brand. Ancora dunque permane un alone di mistero sul possibile nome del nuovo suv. Ne sapremo di più probabilmente entro la fine del 2021. Continuate a seguirci.