Clamorosa notizia in Casa Fiat. Il futuro di 500 e Panda è destinato a scomparire. Sono queste le parole pronunciate proprio oggi da Mike Manley, CEO di FCA. Ecco quanto riferito da Manley: “In un futuro non molto lontano ci vedrete concentrare nuovamente su un segmento di volume più elevato, in grado di generare anche un margine più elevato, e ciò comporterà un allontanamento dal segmento di minicar.”

Lo sviluppo di vetture di segmento A come la Fiat Panda e la Fiat 500 come oggi le conosciamo è stato sino ad ora proficuo, ma non lo sarà nel prossimo futuro. Lo testimoniano i costi elevati di progettazione e di sviluppo di modelli che rispettino le sempre più restrittive norme anti inquinamento.

Il destino delle vetture di segmento A è segnato. In un futuro non troppo distante il gruppo FCA, adesso alleato con PSA, si concentrerà su auto ad oggi definite compatte, quindi di segmento B.

Quale sarà il destino di Fiat Panda e Fiat 500? Dovremo davvero dirgli addio per sempre? Non si sa ad oggi per certo, di sicuro non rimarranno tali, ovvero come modelli di segmento A. Cosa vuol dire questo? Vuol significare che se questi due modelli rimarranno a catalogo, si dovranno trasformare in vetture più grandi e spaziose.

La nuova Fiat Panda quindi, sfruttando anche le innovazioni introdotte dalla concept Fiat Centoventi, potrebbe trasformarsi in una vettura lunga tra i 390 ed i 395 cm, quindi ben 25-30 cm più lunga di come la conosciamo oggi. L’auto arriverà indicativamente nel 2021.

La nuova Fiat Panda come ipotizzata alcuni mesi fa sarà molto più lunga di così

Anche la Fiat 500 elettrica prevista nel 2020, alla luce delle parole di Manley, sarà diversa rispetto al modello introdotto nel 2007. Da tempo infatti circolano voci di una versione con porte posteriori. Tutto ciò diventerà quindi realtà, trasformando la nuova Fiat in una compatta a 5 porte (quelle posteriori forse ad apertura controvento) ma di dimensioni nettamente maggiori rispetto ad oggi, con lunghezza superiore ai 390 cm.

Due auto rinnovate e più grandi ed una terza in arrivo? Ebbene sembra di sì. Grazie all’alleanza tra FCA e PSA dovrebbe tornare entro il 2022 la Fiat Punto. L’auto si riprenderà in pieno il posto lasciato libero oltre un anno fa nel segmento B, con una lunghezza vicina ai 410 cm. Probabilmente la vedremo anche elettrica, grazie alla condivisione della piattaforma CMP-B del Gruppo PSA.

Insomma stando a questi presupposti le novità in Casa Fiat per i prossimi anni si annunciano davvero di rilievo e porteranno ad una vera e propria rivoluzione interna.