La nuova generazione della Fiat Panda farà il suo debutto indicativamente alla fine del 2021. L’auto sarà una vettura di segmento A, lunga indicativamente 375-380 cm. L’auto avrà linee molto simili alla concept Fiat Centoventi presentata a Ginevra nel marzo 2019. Ricordiamo che dalla Fiat Centoventi potrebbe derivare anche un ulteriore modello leggermente più grande della Panda, appartenente al segmento B.

Prima del 2021 assisteremo solamente all’arrivo del nuovo motore 1.0 Firefly da 72 CV anche con tecnologia micro ibrida sulla Panda attuale. Inoltre ci saranno migliorie sul sistema di infotainment Uconnect. Tutto ciò potrebbe avvenire nei prossimi mesi, con commercializzazioni entro fine 2019.

La nuova Fiat Panda del 2021 sarà un modello inizialmente offerto con motorizzazioni tradizionali. Ci saranno versioni a benzina da 1.0 litri da 72 CV e forse da 100 CV. Non sappiano ancora di preciso il futuro del motore Twin Air. Potrebbero arrivare anche versioni dual fuel a benzina/GPL ed a benzina/metano. Il prezzo d’attacco della nuova Fiat Panda sarà di circa 12.500 €. Avremo comunque più spazio per chi sta a bordo e per i bagagli.

Circa due anni dopo, vale a dire entro il 2023, assisteremo all’arrivo sul mercato della nuova Fiat Panda EV, interamente elettrica. Si tratterà della prima vettura elettrica low cost del marchio torinese. Il prezzo d’attacco delle versioni a batteria potrebbe essere di soli 15-16 mila euro, un valore quasi dimezzato rispetto alla cifra prevista per la nuova Fiat 500 elettrica.

Il motivo di questo prezzo decisamente competitivo sarà permesso grazie alla tecnologia modulare delle batterie ed al fatto che la nuova Fiat Panda sarà venduta come una sorta di scatola vuota personalizzabile nel tempo dal cliente. Una nuova frontiera nel mondo dell’auto. La piccola utilitaria si presenterà come Lego dove l’acquirente potrà comprare dei pezzi aggiuntivi nel corso degli anni. La versione base sarà senz’altro molto scarna esteticamente, ma allo stesso tempo funzionale dentro. Si parla addirittura di una possibile versione d’attacco senza vernice, con l’aspetto di lamiera trattata.

Fiat ed anche Mopar dovrebbero realizzare una serie di elementi di personalizzazione davvero infinita. La nuova concezione di personalizzazione porterà a creare personalizzazioni dal costo decisamente basso come wrapping ed adesivi, acquistabili in qualsiasi momento dai possessori dell’auto.

La modularità della batteria porterà la nuova Fiat Panda base ad avere di serie solo un elemento ricaricabile con un’autonomia di 100 km. Poi l’auto potrà essere arricchita con altri tre pacchi batterie da 100 km di autonomia ciascuno per un totale di 400 km nella versione più prestigiosa. La particolarità sarà inoltre la possibilità di poter noleggiare ed inserire nell’utilitaria uno o più di questi moduli a seconda delle esigenze.

Se il proprietario della nuova Fiat Panda solitamente percorre pochi km al giorno potrà acquistare la Fiat Panda base. Nel mese in cui la stessa persona dovrà affrontare un viaggio, in pochi minuti la Fiat Panda potrà essere dotata di altri moduli ricaricabili inseribili nella vettura tramite un binario, presso un’officina della Casa. Tutto ciò potrà essere fatto con la comodità della formula del noleggio. Ovvero a fine esigenza la Panda tornerà ad avere il suo singolo modulo di ricarica.

Inoltre, per chi farà ancora più strada, sarà disponibile un ulteriore modulo di batteria inseribile sotto il sedile che garantirà alla vettura altri 100 km di percorrenza. Insomma la nuova Fiat Panda aprirà un nuovo pianeta di personalizzazione del’auto che diventerà un oggetto intelligente ed adattabile su misura al singolo compratore.