La Fiat Freemont è il grande suv di segmento D lanciato dalla Casa torinese negli anni che vanno da 2011 ad inizio 2016. L’auto era basata sull’americana Dodge Journey.

Di questo modello ne sono state commercializzate quasi 100 mila unità, con il record di immatricolazioni nel 2012 con quasi 26 mila esemplari. Di seguito i dati di vendita del grande suv italiano nel Vecchio Continente (fonte Carsalesbase):

La fine della produzione di questo modello, importato dagli Stati Uniti (auto fabbricata in Messico), è stata causata dallo sfavorevole rapporto Euro/dollaro instauratosi nel 2015. Purtroppo al suo posto Fiat non ha deciso di varare un nuovo progetto. Un vero peccato vista la sempre maggiore richiesta di suv, non di fascia premium, per le famiglie. Ad oggi infatti, i possibili avversari della Freemont sono “spuntati come funghi”. Dalla Peugeot 5008, alla Kia Sorento, dalla Hyundai Santa Fe alla Seat Tarraco e dalla Skoda Kodiaq alla Toyota Highlander, solo per citarne alcuni.

Tornerà a listino nei prossimi anni un nuovo suv di grandi dimensioni con marchio Fiat? Ad oggi dare una risposta certa ed affidabile è impossibile. Non si conoscono ancora i piani futuri per la Casa torinese. Quello che è molto probabile è che Stellantis pensi ad un’importante offensiva nel campo dei suv anche per il brand italiano. Nel 2023 si partirà con un nuovo modello di segmento B. Per gli anni a venire l’offerta potrebbe ampliarsi andando a proporre un C suv ed infine un maxi crossover di segmento D, atto ad ospitare fino a 7 passeggeri.

Le immagini utilizzate nell’articolo provengono dal filmato Youtube di Compara Carros by Jonathan Machado. Si tratta ovviamente di render e non di foto ufficiali. Di seguito il link al video:

Tra il 2023 ed il 2024 arriverà la nuova piattafoma STLA Large che sarà utilizzata per i futuri modelli dei segmenti D ed E del gruppo Stellantis. Su di essa saranno progettate le nuove auto elettriche e, molto probabimente anche le novità elettrificate, ibride plug-in.

Probabilmente il destino dell’erede della Fiat Freemont sarà anche correlato alle vendite che la Casa torinese saprà portare a casa con i nuovi modelli. Noi comunque crediamo che un’espansione della gamma verso l’alto, tra il 2025 ed il 2026 ci sarà.