Di recente fattura è l’ultima Bugatti uscita ma nonostante questo la Casa francese ha rilasciato un teaser di una nuova Bugatti. L’ultima uscita dalla fabbrica è la Chiron Hermés commissionata da un fedelissimo e facoltoso cliente, Manny Khoshbin. Il magnate si è regalato infatti una Chiron completamente personalizzata. Se siete interessati vi invitiamo a leggere l’articolo da noi scritto che trovate nel nostro sito.

Quello che emerge dal’limmagine pubblicata nella pagina ufficiale della Bugatti è difficilmente decifrabile pertanto non ci resta che fare delle supposizioni. L’unica cosa che ci sentiamo di affermare con discreta certezza, è che non si tratta del super suv di cui giravano voci diversi mesi fa. Il primo suv firmato Bugatti dunque non troverà spazio nella gamma, almeno nell’immediato.

Sotto il velo potrebbe nascondersi la versione definitiva della “la Voiture Noire“. La costosissima hyper car presentata al concorso d’eleganza di Pebble Beach e vista anche a Ginevra non era tuttavia marciante. Potrebbe dunque prendere piede la produzione di questa vettura i cui modelli si conteranno sulle dita delle mani. La produzione prevede infatti una tiratura estremamente limitata di 10 unità destinate probabilmente ad alcune delle persone più ricche del mondo. Questi fortunati però potranno mettere le mani sul volante della “la Voiture Noire” solo e non prima del 2021.

Potrebbe trattarsi di possibili versioni speciali di modelli già esistenti? E’ possibile, ma non certo. Le poche linee visibili sembrerebbero escludere una possibile variante della Divo tanto meno una Chiron. Quest’ultima tra l’altro conta già una versione estrema, ovvero, tanto per intenderci, quella del record di velocità.

Sotto il telo si può vedere, con un pizzico di immaginazione, lo stile della Centodieci, nata per ricordare la EB110. Potrebbe dunque suggerire che la nuova Bugatti sia ispirata su di un modello del passato.

Un’ulteriore ipotesi plausibile immaginerebbe una gran turismo 4 posti sotto quel lenzuolo. Così facendo il listino si arricchirebbe garantendo una diversa scelta dalla “classica” super sportiva.

In termini di motorizzazione potrebbe esserci la possibilità di vedere la prima Bugatti elettrica. In caso contrario, rimanendo dunque con il motore a combustione, si potrebbe assistere ad un 16 cilindri rivisitato, magari depotenziato. Con buona probabilità, in entrambi i casi, le potenze potrebbero rimanere al di sopra dei 1000 CV.

E’ presto per ipotizzare un prezzo ma per come siamo stati abituatati dalla Casa appartenente al Gruppo Volkswagen difficilmente l’importo da pagare vedrà meno di 6 zeri sull’assegno.

Per rimanere aggiornati vi invitiamo a continuare a seguirci nel nostro sito e su tutti i canali Social.