La gamma di vetture a doppia alimentazione benzina/metano del gruppo FCA si è ridotta a soli due modelli. Oggi troviamo a litino la Fiat Panda e la Lancia Ypsilon, entrambe alimentate dal piccolo motore bicilindrico da 900 centimetri cubici con 70 CV. Parallelamente troviamo, sempre a doppia alimentazione, alcune versioni della Fiat Doblò e della Fiat Cubo, ma parliamo prettamente di veicoli commerciali.

300 mila Fiat Panda a metano, traguardo tagliato nel febbraio 2017

Con due modelli a listino, per altro datati, la quota di mercato di vetture a metano di Fiat e Lancia si è fortemente contratta negli ultimi anni. Di seguito il confronto delle vendite di auto a metano tra agosto 2015 ed agosto 2020.

Dati di vendita agosto 2015, fonte UNRAE
Dati di vendita agosto 2020, fonte UNRAE

Dai dati si nota come la quota di mercato riservata alle vetture con doppia alimentazione benzina/metano è calata di alcuni punti percentuali. Il gruppo Volkswagen ha, però, fatto segnare un aumento delle vendite grazie al lancio sul mercato di tanti nuovi modelli alimentati a metano. Il contrario è stato fatto da FCA che ha eliminato la Fiat Punto ed ha lasciato invecchiare i suoi prodotti.

Come si vede dalle precedenti tabelle i modelli odierni di FCA sono gli stessi rispetto a 5 anni fa. Oltre a ciò, la Fiat 500L a metano è stata tolta dal listino. Sembrava dovesse arrivare una Fiat 500X a metano, ma il progetto è saltato. In Volkswagen, invece, oltre ai cambi generazionali di Golf, Seat Leon e Skoda Octavia, hanno lanciato diverse novità come la Skoda Kamiq, la Volkswagen Polo e la Seat Arona.

La strategia commerciale, visto anche l’arrivo del motore 1.0 Firefly micro ibrido da 70 CV, sia sulla Fiat Panda che sulla Lancia Ypsilon, sembra orientata a dare l’addio al metano. Il potenziale sviluppo di una nuova unità basata sul 1.0 Firefly T3 ad iniezione indiretta da circa 110 CV sembra essere stata definitivamente accantonata. Oltre a ciò non si parla più, con l’arrivo del restyling della Fiat Panda nelle prossime settimane, di versioni a metano.

ADDIO DEFINITIVO NEL 2022

Da tutto ciò si deduce che entro i prossimi due anni, ovvero con la fine delle carriere delle attuali Fiat Panda e Lancia Ypsilon, in FCA abbandonino definitivamente il metano. La cosa è sottolineata dal fatto che anche PSA sta facendo la stessa scelta, in maniera più repentina, con Opel. Sono uscite dal listino infatti le versioni a doppia alimentazione di Astra e Zafira.

Con la nascita del mega gruppo Stellantis quindi, le strategie si concentreranno maggiormente sullo sviluppo di tecnologie ibride, micro ibride ed elettriche. Insomma sembra che la vita delle auto a metano italo/francesi abbia i giorni contati.