La sesta generazione dell’Opel Astra sarà svelata probabilmente già alla fine del 2021. Le prime vendite partiranno probabilmente ad inizio 2022. L’attuale versione è stata lanciata nel 2015, nel frattempo Opel è passata da General Motors a PSA. Questo cambio di proprietà ha per forza di cose velocizzato il processo di passaggio dall’attuale modello a quello in arrivo. In PSA l’obiettivo è quello di lanciare nel più breve tempo possibile un’auto totalmente “fatta in casa”.

Per cui i canonici 7-8 anni di permanenza media di un’auto a listino saranno accorciati. La nuova Opel Astra avrà un design totalmente rinnovato rispetto ad oggi con molti particolari presi dalla neonata Opel Mokka. Alcuni render presi dal video Youtube di Povozcar ne fanno intravedere il possibile aspetto estetico. Si tratta ovviamente di immagini non ufficiali:

Render di Kleber Silva:

https://www.behance.net/gallery/104793275/Opel-Astra-New-Generation

Il lancio della nuova Opel Astra seguirà di alcuni mesi quello della nuova Peugeot 308. Si ripeterà un po’ la staffetta che c’è stata tra Peugeot 208 ed Opel Corsa. La piattaforma sulla quale nascerà l’Astra sarà l’ultima versione della EMP2 (come per la cugina 308) che permetterà la nascita anche di versioni ibride plug-in.

L’auto manterrà indicativamente la lunghezza attuale di poco al di sotto dei 440 cm. Più avanti, indicativamente a metà 2022, arriverà anche la versione sw lunga sui 465-470 cm. La gamma motorizzazioni sarà piuttosto ampia e potrebbe prevedere il ritorno della versione sportiva ad alte prestazioni OPC.

A benzina sulla nuova Opel Astra avremo il 1.2 PureTech nelle declinazioni da 100, 130 e 155 CV. A gasolio ci sarà il 1.5 Blue HDi con potenze di 100 e 130 CV. Probabilmente sin dal lancio sarà introdotta la tecnologia micro ibrida a 48 V.

In gamma dovrebbero arrivare anche due versioni ibride plug-in. La meno performante con 225 CV di potenza combinata, dati dalla combinazione del 1.6 turbo PureTech da 180 CV unito ad unità elettrica da 110 CV. Trazione anteriore e cambio automatico ad 8 rapporti. La batteria potrebbe arrivare ad una capacità vicina ai 13 kWh tali da garantire un’autonomia a zero emissioni di circa 60-65 km. Questa versione potrebbe debuttare con il nome GSi.

La nuova Opel Astra OPC con oltre 300 CV (pari tecnologia della Peugeot 308 PSE) potrebbe essere proposta con un secondo motore elettrico in maniera da avere la trazione integrale. Le prestazioni saranno di 250 km/h di velocità massima e scatto da 0 a 100 in circa 5,5 secondi. Potrebbe esserci anche una versione ibrida convenzionale nella gamma con circa 150 CV.