Attesa per fine 2019 ed in vendita dal 2020, la nuova sarà il quarto modello che il Gruppo Volkswagen lancerà insieme a Volkswagen Golf 8, Audi A3 e Skoda Octavia. Complice anche il momento di ottima salute del marchio spagnolo, la Leon sarà chiamata a dare un ulteriore impulso alle vendite. Seat ha venduto nel 2018 circa 517.000 veicoli con una crescita di oltre il 10 % rispetto al 2017, anno in cui il marchio si era fermato a 468 mila. Dal 2012 il balzo in avanti è stato di oltre il 60 % a testimoniare che il lavoro dell’italiano De Meo sta dando i propri frutti.

Il 2019 sarà un altro anno cruciale per Seat attesa ancora in crescita verso quota 600 mila esemplari. Verso la fine dell’anno arriverà la Seat Leon di quarta generazione, probabilmente al salone di Francoforte. L’auto nascerà dalla piattaforma MQB Evo e sarà leggermente più lunga della versione attuale. Sono attese più varianti di carrozzeria rispetto al modello attuale. La nuova Seat Leon sarà infatti proposta nelle versioni a due volumi (solo 5 porte), station wagon e, con una certa probabilità, anche sedan. Proprio quest’ultima è la novità più importante. La nuova vettura in allestimento a tre volumi prenderebbe il posto della Seat Toledo, da poco uscita di produzione, che molto successo ha avuto in certi paesi come la Spagna.

La nuova Seat Leon due volumi dovrebbe crescere sino a circa 435 cm. La station wagon dovrebbe avvicinare invece i 460 cm con un bagagliaio di circa 600 litri.Dal punto di vista del design cambierà il frontale. l muso della nuova Seat Leon si ispirerà alla neonata Seat Tarraco con griglia frontale esagonale. Nella parte posteriore i fanali saranno triangolari con possibile dettaglio luminoso nella zona centrale. L’aspetto generale rimarrà comunque volto alla sportività e ad un pubblico giovanile. Molte le novità sotto l’aspetto dei motori.

Troveremo a listino versioni a benzina ed a gasolio. Come motore d’attacco il 1.0 TSI da 116 CV (forse anche in allestimento da 95 CV). Poi il 1.5 TSI da 130 e 150 CV. Infine potrebbe arrivare il 2.0 litri turbo da 200 CV per la versione FR. Parallelamente nascerà la Seat Leon marchiata Cupra. Per lei di sicuro un 2.0 litri turbo portato a circa 350 CV e probabilmente dotato di tecnologia mild hybrid. Ci saranno anche motori a gasolio di ultima generazione. Dal 1.6 da 116 CV, sino al 2.0 TDI da 150 e da 190 CV.

Sia sulle motorizzazioni a benzina che su quelle a gasolio potrebbe arrivare in un secondo momento la tecnologia micro ibrida. Sempre verso metà/fine del 2020 potrebbe debuttare la Seat Leon ibrida plug-in. Con il 1.5 da 150 CV ed un motore elettrico da un centinaio di cavalli per 245 Cv totali. L’autonomia in modalità elettrica prevista sarebbe di circa 60 km. La velocità massima di questa versione potrebbe toccare i 220 km/h con meno di 7 secondi per lo 0-100.

Attesa anche la Seat Leon TGI a metano con il 1.5 turbo da 130 CV. La versione a doppia alimentazione prevederebbe tre serbatoi per il metano con quasi 18 kg di capienza e circa 500 km di autonomia. Per la benzina un serbatoio da circa 11 litri che permetterebbe di omologare l’auto come mono carburante. Prestazioni brillanti con circa 205 km/h di velocità massima ed uno scatto da 0 a 100 in poco più di 9 secondi. la nuova Seat Leon non è attualmente prevista in versione completamente elettrica. Ci saranno a listino cambi manuali a 5 o a 6 marce ed automatico DSG a 7 rapporti. Previste anche versioni a 4 ruote motrici. Il prezzo d’attacco della nuova Seat Leon dovrebbe partire da circa 22-22.500 euro. Vendite da inizio 2020.