Tolta dalla produzione ad inzio 2020, l’Alfa Romeo Giulietta ha lasciato scoperto il segmento C della Casa di Arese. Al suo posto ci attendiamo per fine anno la presentazione della nuova Alfa Romeo Tonale, suv lungo poco meno di 4,5 metri. Quest’ultima vettura sarà in vendita nella seconda metà del 2021, anche in versione ibrida plug-in e con potenze da 120 a 330 CV (versione Veloce).

Nel 2022 i piani di Alfa Romeo prevedono l’arrivo di un B-suv chiamato probabilmente Brennero, che sarà realizzato in collaborazione coon PSA utilizzando la piattaforma CMP. Questo piccolo suv sarà proposto anche in versione elettrica. Da metà 2022 il futuro di Alfa Romeo è ancora piuttosto offuscato. Attiverà una maxi berlina? Ritorneranno modelli capaci di “vendere in massa” come una nuova generazione della Mito o una nuova Alfa Romeo Giulietta? Per questo dovremo aspettare gli sviluppi del piano industriale che scaturirà dall’alleanza FCA-PSA.

Nella più rosea delle ipotesi, viste le vendite riscontrate nell’ultimo decennio, la vettura più auspicata e desiderata sarebbe la nuova Alfa Romeo Giulietta. Basata magari su una piattaforma di PSA, l’auto potrebbe debuttare anche in versione ibrida ricaricabile come sarà per la nuova Pegeot 308. Ciliegina sulla torta sarebbe un’inedita variante in stile crossover della Giulietta.

L’ipotesi è quella mostrata in copertina. Si tratta di un render preso dal video del canale Youtube di Rons Rides:

Il nuovo segmento di crossover basati sulle medie di segmento C sta prendendo quota. La Kia Xceed è stata una delle prime insieme alla Ford Focus Active. A breve sarà il turno della Fiat Tipo Cross. Entro il 2022 ci attendiamo anche la nuova Audi A3 Allroad/Citycarver.

La nuova Alfa Romeo Giulietta, lunga attorno ai 435 cm, potrebbe essere proposta quindi anche in versione con assetto rialzato, protezioni sottoscocca e passaruota in materiale plastico. Difficile la possibiltà di vederla a trazione integrale, ma mai dire mai vista la possibile presenza di motorizzazioni ibride plug-in con più propulsori. La lunghezza la renderebbe “suvvizzabile”, proponendo un nuovo crossover giusto a metà tra Brennero e Tonale.

Nel video è stato pubblicato anche un secondo render di un’Alfa Romeo Giulietta più convenzionale, bassa e a trazione anteriore. Sicuramente non arriverà una Giulietta a trazione posteriore. Senza dubbio il design di una possibile futura versione della media italiana avrebbe molto in comune con i nuovi suv in arrivo, design in primis. Per la tecnologia avremo, probabilmente, il prestito di propulsori francesi. Non ci resta che aspettare ed attendere gli sviluppi futuri della Casa del Biscione.