Il 2019 sta per giungere al termine e presto inizierà un anno sempre più all’insegna dell’elettrico. Per questo motivo vogliamo riportarvi alcune delle più interessanti novità quanto riguarda le auto elettriche 2020. La lista di quelle che per noi saranno le più attese vede diverse Case coinvolte e diversi segmenti di appartenenza ma con uno scopo comune: ridurre il più possibile le emissioni di CO2.

Come prima vettura, non per ordine di importanza, vogliamo inserire un prodotto italiano. Parliamo della Fiat 500 elettrica, la quale manterrà quanto più possibile le linee attuali visto il grande successo. Subirà comunque delle modifiche tecniche perché verrà ristudiata da zero realizzando la prima piattaforma per un’auto completamente elettrica appartenente a Fiat.

500 elettrica

La 500 elettrica crescerà, ma le dimensioni dovrebbero comunque, molto probabilmente, rimanere comprese tra i 375 cm e 390 cm. Il prezzo, ancora non ufficiale, potrebbe aggirarsi sui 27.000/29.000 €.

Forse una delle più attese, che entrerà in produzione l’anno prossimo, è la Volkswagen ID3 presentata al Salone di Francoforte 2019. Di questa vettura però se ne è già parlato abbastanza per cui decidiamo di inserire la sorella maggiore Volkswagen ID.4x.

Vlkswagen ID.4x

Il crossover sarà presentato a Ginevra il prossimo anno e messo in produzione qualche mese dopo. Le motorizzazioni disponibili avranno diverse potenze così come per il pacco batterie. Le versione base di questo modello potrebbe avere una valutazione che parte da 40.000 €.

La prossima auto è già stata presentata quest’anno al Salone di Francoforte ma decidiamo comunque di inserirla per due motivi. Il primo è che entrerà in produzione nel 2020; il secondo invece le permette di partecipare alla lista grazie alle parecchie attenzioni che ha attirato durante la manifestazione. Parliamo della Honda e, la piccola giapponese.

Honda e

La “e” attirò molte attenzioni non tanto per le prestazioni ma per il design, che ricorda le compatte anni 80. Una novità di rilevo in una macchina di serie è stata nella sostituzione degli specchietti retrovisori con delle telecamere, in grado di trasmettere immagini in alta definizione ed ovviamente in tempo reale al guidatore. La compatta, che entrerà in produzione la prossima estate avrà un prezzo d’attacco di 35.500 € fino ad arrivare a circa 40.000 €.

Tornando in terra teutonica una vettura interessante ma destinata a pochi è l’Audi e-tron Sportback. La Sportback da oltre 400 CV sarà la versione più sportiva del già noto suv e-tron.

Audi e-tron Sportback

La e-tron Sportback come detto verrà acquistata da pochi, non perché qualitativamente non sia valida, ma perché il prezzo supererà i 100.000 € qual’ora decidessimo di personalizzare un minimo la versione base. Supererà questa cifra di sicuro una probabile versione S del modello.

Infine, che rientra anch’essa nelle novità delle auto elettriche 2020 è la BMW iX3. Il suv elettrico ricorda molto le linee della X3 tradizionale riportando ciononostante elementi distintivi tipici delle vetture elettriche. Per lei trazione posteriore, 286 CV di potenza e batterie da 74 kWh.

BMW iX3

Il suv, che vediamo in un‘immagine non ufficiale qui sopra avrà un prezzo che si attesta intorno ai 75.000 € collocandosi come rivale dell’Audi e-tron e della Mercedes EQC.

Merita una menzione onorevole in Casa BMW la serie 4 che potrebbe portare all’introduzione di una nuova coupè elettrica basata sul medesimo design innovativo. Si chiamerà BMW i4 la berlina elettrica.

Da Mercedes ci aspettiamo un’ampliamento della famiglia. La EQC non sarà più figlia unica ma dovrà condividere la cameretta, o meglio, il garage con le sorelle EQA ed EQB. La prima, che esteticamente si ispira alla GLA arriverà nel 2020 con un prezzo di partenza di 50.000€. Adotterà un pacco batterie da 60 kWh che alimenterà un motore elettrico da 300 CV. Gli allestimenti saranno 3 o 4 con svariate differenze. In comune ci sarà il sistema di infotainment che già conosciamo ovvero quello basato sulla piattaforma MBUX.

Mercedes EQB

La EQB si ispira invece alla GLB. La motorizzazione potrebbe avere in dote tre distinti propulsori elettrici con potenze di 200, 270 e 340 CV. A questi tre saranno abbinati due livelli di batteria da circa 60 e 90 kWh per autonomie che andranno da 350 ad oltre 450 km. Il prezzo è lo stesso della EQA, ma salendo ai vertici degli allestimenti si potrebbe arrivare a sfiorare i 90.000 €.

Il gruppo Volkswagen fa da padrone in questo panorama, tant’è che le novità previste coinvolgono anche Skoda, Seat e ancora una volta Audi. Quanto riguarda il Marchio di origine Ceca potrebbe arrivare una versione ispirata alla Vision iV. Dal concept potrebbe uscirne un suv coupé ad alte prestazioni basato sulla piattaforma MEB, comune in tutto il gruppo. Il concept si presentò con una potenza di 306 CV e numeri simili è lecito aspettarsi anche nella versione definitiva.

Di diversa concezione è la Seat El Born. L’elettrica iberica sviluppata ancora una volta sulla piattaforma MEB nasce come un’utilitaria accessibile e che fa dell’autonomia il suo cavallo di battaglia. Oltre 400 sono i km che dovrebbe riuscire a percorrere con una sola ricarica. Il prezzo, per essere definito accessibile, dovrebbe aggirarsi intorno ai 30.000 €.

Quello che ormai ci si aspetta da Audi è il nuovo suv compatto Q1. Le voci riguardati questo modello iniziarono a diffondersi già 2 anni fa. Quest’oggi invece queste chiacchiere si fanno concrete, il Q1 dovrebbe essere presentato al Salone di Ginevra nel 2020. Le dimensioni dovrebbero essere contenute osservando una lunghezza di circa 420 cm. Molto contenuta per un suv se pensate che una Polo attuale misura già 405 cm.

Audi Q1

Chiude il programma “novità auto 2020” del colosso Volkswagen la Porsche Taycan sport turismo. La versione shooting brake della Taycan che, già abbiamo conosciuto a Francoforte quest’anno, sarà il secondo veicolo completamente elettrico della Casa di Zuffenhausen. Le caratteristiche dovrebbero essere quelle della Taycan “normale”. Come quest’ultima quindi ci saranno due versioni al lancio, La Porsche Taycan Sport Turismo Turbo con potenza di 680 CVTurbo S che arriverà addirittura a 761 CV.

prezzi al lancio saranno di circa 3.000 € superiori rispetto alla Taycan normale. la Turbo dovrebbe costare attorno ai 160 mila euro, mentre la Turbo S dovrebbe sfiorare i 195 mila euro.

Porsche Taycan Sport Turismo

L’antagonista a tutti questi suv tedeschi potrebbe nascondersi nella svedese Volvo XC40 Recharge. Dotata di due motori elettrici per una potenza complessiva di 408 CV, alimentata da una batteria da 78 kW, sarà grado di garantire 400 km d’autonomia. Come di consuetudine Volvo adotterà linee pulite, sobrie e funzionali anche in questa vettura che chiaramente nasce dalla XC40 tradizionale.

Volvo XC40 Recharge

L’elettrica low-cost potrebbe arrivare l’anno prossimo ma con ancor più probabilità nel 2021 e avrà il marchio Dacia. Sarà la versione europea di un piccolo Suv che è già stato lanciato in Cina come Renault City K-ZE. Questa Dacia potrebbe costare circa 15 mila euro, con un’autonomia di circa 250 km. Il prezzo è già molto competitivo ma se consideriamo gli ecobonus ed eventuale rottamazione si potrebbe arrivare intorno ai 10.000€, il che per una vettura elettrica avrebbe dell’incredibile.

Novità di origine asiatica è la versione elettrica della Mazda MX-30. Il crossover che avrà un prezzo d’attacco di 35.000€ non promette certo prestazioni eccezionali, vedi potenza di 105 kW ed autonomia prossima ai 200 km, ma un feeling di guida unico votato al comfort.

Non bisogna dimenticarsi infine della Tesla Model Y. L’ultima creazione di Elon Musk si promette ancora più compatta della Model 3 tuttavia mantenendo ottime prestazioni. Tra queste risalta un’autonomia di 540 km e uno scatto da 0-100 km/h coperto in appena 3,7 secondi.

Molte saranno le vetture che oltre a queste verranno presentate o che entreranno in produzione nel 2020, perciò vi invitiamo a seguirci qui e sui social per non perdervi nessuna di queste novità.